Eva Klotz

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Eva Klotz

Eva Klotz (1951 – vivente), politica italiana.

Citazioni di Eva Klotz[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • [In riferimento alla propria abitudine nella pratica del naturismo] Nuotare nudi è molto piacevole, quando posso ne approfitto, in Corsica e Croazia nessuno ci fa caso.[1]
  • I nostri atleti [altoatesini] non sono italiani.[2]
  • [Occorre] impegnarsi per arrivare a un referendum per avere un futuro del Sudtirolo senza Italia, indipendente. Si può essere amici ma senza dovere rispondere a regole altrui. Amici ma padroni in casa propria.[3]
  • Noi siamo stati annessi all'Italia dal regime fascista, con violenza fisica e psicologica. Smettiamola anche con questa storia che Roma ci riempie di soldi come regione autonoma: dove sarebbe questa autonomia se non possiamo decidere cosa festeggiare o no? I soldi, poi, sono quelli delle nostre tasse, che invece di sparire da qualche parte, come accade in Italia, restano qui, dove le cose funzionano.[4]
  • [In riferimento alle celebrazioni per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia] Chiederci di festeggiare l'Unità d'Italia è come chiedere ad una donna stuprata di festeggiare con lo stupratore l'anniversario della violenza subìta.[4]
  • Se mio padre era un terrorista, allora lo era pure Garibaldi.[4]
  • [...] il presidente Cossiga [...] da sardo, credeva nell'autodeterminazione dei popoli e nel 2008 aveva fatto un disegno di legge che prevedeva un libero referendum con quattro modelli tra cui scegliere: rimanere con l'Italia, andare con l'Austria o con la Germania, oppure creare uno Stato indipendente e sovrano.[4]
  • Non mi taglio i capelli dal 1952 da quando mio padre mi rapò a zero.[5]
  • [Commentando le polemiche sul vitalizio da ex consigliere regionale da lei percepito] Se il Sudtirolo diventerà uno Stato libero restituirò all'Italia quei soldi [...] In caso contrario li userò per portare avanti la mia battaglia per l'autodeterminazione. Quei soldi non li ho certo rubati.[6]
  • Un referendum sull'autodeterminazione è un diritto del nostro popolo. Noi non siamo italiani, non possiamo essere costretti a provare un sentimento che non ci appartiene.[7]

Note[modifica]

  1. Citato in Da Eva Klotz a Ippoliti Naturisti (a sorpresa) d'Italia, Corriere.it, 3 giugno 2005.
  2. Dalla lettera di precisazioni spedita alle redazioni sportive delle emittenti radiotelevisive ORF, ZDF e ARD l'8 febbraio 2007, consultabile qui: Unsere Athleten sind nicht Italiener, Unionfs.com, 8 febbraio 2007.
  3. Citato in Eva Klotz: «Atleti sudtirolesi, non italiani», Corriere.it, 9 febbraio 2007.
  4. a b c d Citato in Gli irriducibili del Sud..., Quotidiano.net, 17 marzo 2011.
  5. Citato in Consigliera della Provincia di Bolzano: «Non mi sento italiana, lasciateci liberi», Il Gazzettino.it, 27 marzo 2011.
  6. Dall'intervista nella trasmissione televisiva di L'Arena, Rai 1, 22 febbraio 2016; citato in Eva Klotz ci prende in giro: "Restituirò il vitalizio all'Italia quando il Sudtirolo sarà libero", Il Giornale.it, 22 febbraio 2016.
  7. Citato in Austria: Eva Klotz, il nostro sogno resta il referendum, Ansa.it, 20 dicembre 2017.

Altri progetti[modifica]