Fiona May

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Fiona May (2016)

Fiona May (1969 – vivente), ex lunghista, triplista e attrice britannica naturalizzata italiana.

Citazioni di Fiona May[modifica]

  • [Sugli inizi.] L'insegnate di educazione fisica chiama mia mamma già alle elementari: "Sua figlia deve fare atletica". Papà mi porta subito al campo di allenamento, ma mi dicono che sono troppo piccola. Io ci resto malissimo, perché capisco immediatamente che quello è il mio mondo. Mio padre promette di riportarmi l'anno dopo, e mi prendono subito: salto in alto e in lungo, poi i 100, gli ostacoli. A 14 anni sono in nazionale Under 20, a 17 vinco l'oro europeo.[1]

Dall'intervista di Claudio Sabelli Fioretti

Corriere della Sera, 19 agosto 2001; citata in Interviste.sabellifioretti.it

  • Il mondo è sempre per l'uomo, gli allenatori sono uomini, gli spettatori anche e noi atlete non dobbiamo solo fare le gare e vincere, dobbiamo anche essere belle. Nessuno guarda se un campione è bello o brutto. Noi invece dobbiamo essere donne nelle vita normale e uomini negli allenamenti e nelle gare. Dobbiamo essere cattive, e dure in pista. Noi lavoriamo come uomini.
  • Io cerco di ricordarmi di essere donna. L'uomo può uscire vestito casualmente, la donna deve essere carina ed elegante.
  • La donna deve curare la casa e lavorare.
  • Lo sport è un ambiente in cui tutto è più facile, sia per le donne che per la gente di colore. Nella vita normale è piuttosto difficile.

Note[modifica]

  1. Dall'intervista di Serena Gentile, Io e Larissa toste uguali: ora è libera, Sportweek, nº 31 (948), 3 agosto 2019, pp. 56-59.

Altri progetti[modifica]