François de Curel

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
François de Curel, 1918

François de Curel (1854 – 1928), drammaturgo e scrittore francese.

  • È dunque tanto vile la natura? La legge del più forte domina i corpi, sì: ma gli spiriti? Il più grande simbolo che abbia potuto imporsi ad essi, non è forse uno strumento di tortura: la croce? Quale è dunque la potenza cosi forte che spinge gli occhi del mondo intero ad affinarsi in essa con un desiderio cocente di sacrifizio?... Ogni marea svela, al di là delle nuvole, un astro vincitore: soltanto l'incessante marea delle anime palpiterebbe in un cielo vuoto?[1]

Note[modifica]

  1. Da Il nuovo idolo, atto III, traduzione di Anna Borgogno, in Commedie francesi fin de siècle, Gherardo Casini Editore, 1967, vol. I.

Altri progetti[modifica]