Françoise Mallet-Joris

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Françoise Mallet-Joris (1930 – 2016), scrittrice belga.

Incipit di Gli amori impossibili[modifica]

All'uscita delle dattilografe, allorché il rumore delle macchine per scrivere, delle porte sbattute, del telefono, si arrestava come un getto d'acqua bruscamente interrotto, mi ritrovavo sola col silenzio. Nel suo ufficio, mio padre rivedeva i conti, riesaminava i cataloghi della sua casa di tessuti, fissava gl'incontri di domani, consultava l'andamento della Borsa. Poi, ancora qualche rumore, l'ultimo, arrivava al terzo piano, dove morivo di noia nella mia stanzetta sotto il tetto: lo sbattere delle persiane che Andrea, il ragazzo mezzo scemo dell'ufficio, richiudeva violentemente, e infine il colpo della porta che si tirava dietro.

Bibliografia[modifica]

  • Françoise Mallet, Gli amori impossibili (Le rempart des bèguines), traduzione di Anita e Luigi Compagnone, Longanesi & C., Milano 1966.

Altri progetti[modifica]