Gian Galeazzo Maria Sforza

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Gian Galeazzo Maria Sforza (opera di Benedetto Briosco)

Gian Galeazzo Maria Sforza (1469 – 1494), sesto duca di Milano e terzo della dinastia Sforza.

Citazioni su Gian Galeazzo Maria Sforza[modifica]

  • Quasi presago della sua prossima fine il giovane duca passò l'anno intero a Pavia e nei dintorni in continui sollazzi. Sembra ch'egli volesse godersi nei pochi mesi della primavera e dell'estate, tutta la serie dei passatempi concessigli. La moglie, la giovane Isabella, non meno gaia e spensierata del marito finché la salute di costui fu buona, condivideva quasi tutti i suoi spassi. Sovente salivano ambedue in groppa allo stesso cavallo, e, come giovani centauri, si lanciavano a corse pazze attraverso i boschi e le brughiere. Altra volta, più dimessamente, girellavano quà e là nei viali del bosco ducale che circondava il ricco castello – (vedremo a suo tempo quali meraviglie di lusso e di eleganza il castello di Pavia raccogliesse) – e finivano nel zardinetto a prender il fresco o nell'orto a raccoglier asparagi e insalata. (Francesco Malaguzzi Valeri)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]