Giannozzo Manetti

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Giannozzo Manetti (1396 – 1459), politico, diplomatico e umanista fiorentino.

  • Ma che dire dell'ingegno sottile ed acuto di quest'uomo cosi bello e ben fatto? Esso è cosi grande e tale che tutto ciò che è apparso nel mondo dopo quella prima ed ancora informe creazione appare trovato prodotto e compiuto da noi mediante quel singolare ed eminente acume della mente umana. Nostre, infatti, e cioè umane perché fatte dagli uomini, sono tutte le cose che si vedono, tutte le case, i villaggi, le città... Sono nostre le pitture, nostre le sculture, le arti, le scienze, nostra la sapienza... nostri sono infine tutti i ritrovati, che ammirabili e quasi incredibili, la potenza e l'acume dell'ingegno umano o piuttosto divino volle costruire ed edificare con una solerzia singolare ed eminente. (citato in Eugenio Garin, Filosofi italiani del Quattrocento, Le Monnier, Firenze 1942)

Altri progetti[modifica]