Gino Patroni

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Gino Patroni (1920 – 1992), giornalista e scrittore italiano.

  • Gli indiani delle «riserve» giocheranno mai in prima squadra?[1]
  • L'amore è come la guerra. Prima o poi va dichiarato. (da Il foraggio di vivere, Longanesi, Milano 1987)
  • Programma di alpinista povero. Pane e Marmolada.[2]
  • Speranza – Forse avremo anche in Italia la TV libera. Meglio tardi che RAI. (da Crescete e mortificatevi, Rizzoli, Milano 1975)
  • Sovrapposizione – Se la donna è mobile, l'uomo è sopramobile. (da Non c'è amore senza pene, raccolta di epigrammi inediti, 1989)

Note[modifica]

  1. Citato in Marco Pastonesi e Giorgio Terruzzi, Palla lunga e pedalare, Dalai Editore, 1992, p. 100. ISBN 88-8598-826-2
  2. Citato in Marco Pastonesi e Giorgio Terruzzi, Palla lunga e pedalare, Dalai Editore, 1992, p. 44. ISBN 88-8598-826-2

Altri progetti[modifica]