Giovanni Battista Giovio

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Giovanni Battista Giovio (1748 – 1814), geografo, saggista, scrittore e storico italiano.

Viaggio pel lago di Como[modifica]

Incipit[modifica]

L'origine della Città di Como perdesi, al pari di quella di quasi tutte le altre Città d'Italia, fralle tenebre della più rimota antichità. Cajo Plinio Seniore ne conservò bensì l'opinion di Catone, che attribuì la fondazion di Como agli Orobj; ma lo stesso Catone confessava poi d'ignorare onninamente qual si fosse questo popolo, nè di gran momento è la sentenza di Cornelio Alessandro, il quale stimò gli Orobj derivati dai Greci anche per l'interpretazione del nome, che in greca favella suona abitatori dei monti.

Citazioni[modifica]

  • Vuolsi che su questo lido depresso ed agevole [di Lierna] il giovin Plinio avesse la villa sua detta Commedia, perciocchè gli attori di quelle in sulla scena escivano con borzacchini del coturno tragico più umili.
  • Costeggiano indi il Lario vigne perpetue; dopo sieguono i due piccioli promontori di Vetergnano. Poco da quelli dista Lierna cinta da non ingrato territorio. Lodansi i di lei vini per coloro, che soffran di calcoli e podagre, perciocchè al sapor graziosamente tagliente congiungono la facilità d'esser passanti. Nè già mancan d'oliveti quei campi, ma più fecondi ancor ne sono i prossimi, che dierono il nome ad Olcio terra di qualche fama anche pel marmo Luculléo ossia nero, di cui i maggior nostri si valsero per alcuni pilastri del maggior tempio in Como, e Girolamo Borsieri crede, che ne usassero non già per mancanza di marmo candido, ma per accrescere maestà.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]