Giuseppe Ravegnani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Ravegnani

Giuseppe Ravegnani (1895 – 1964), scrittore, critico letterario, giornalista, poeta e traduttore italiano.

Antologia di novelle catalane[modifica]

  • [...] il poeta e critico letterario Joan Arus[1] nel suo volume: La nostra expanciò literària, giustamente osserva come la lingua catalana sia stata, sin dalle sue origini, la sola radice inestirpabile che non abbia lasciato morire del tutto l'albero della Patria. Però l'oppressione di tre secoli l'aveva quasi rinsecchita e spesso profondamente traviata sotto le influenze del provenzale e del castigliano. (Introduzione, p. 11)
  • Dopo i poeti nazionali Verdaguer e Guimerà, apparve Joan Maragall, il vero padre della poesia catalana contemporanea. Nella umanità del Maragall noi vediamo una continuazione logica dello spiritualismo dei classici catalani dei secoli d'oro, e più ancora il predominio di Auziàs March e Jordi de Sant Jordi. (Introduzione, p. 12)
  • Il realismo rurale [nella letteratura catalana] ebbe, più tardi, la massima manifestazione nella scrittice Victor Català, la quale nei Drames rurales (1902) e più ancora nel suo famoso romanzo Solitut amò descrivere le visioni oscure della vita. La tragedia irrazionale, mostruosa, istintiva, delle anime umili, primitive, incolte, fu l'argomento principale delle sue novelle aspre, dure, violente e implacabili. (Introduzione, p. 15)
  • Maragall fu un rivoluzionario; ai nostri tempi si sarebbe chiamato un avanguardista. Egli, ricordando Cabanyes, sosteneva la tesi della completa indipendenza della forma, la quale doveva adattarsi alla rivelazione più immediata della ispirazione, sino a raggiungere magari anche il nostro moderno impressionismo. (cap. IV, Notizia biobibliografica, p. 78)
  • [...] Maragall non fu troppo fedele a codeste teorie [di forma e contenuto], specie quando scrisse quei suoi poderosi articoli settimanali, pubblicati sul Diario de Barcelona, sì nutriti di alato pensiero e pulitamente scritti, da parere, il più delle volte, superbe poesie in prosa. Maragall, tanto in catalano quanto in castigliano, fu un meraviglioso articolista, di una originalità e di una potenza non più eguagliate in Catalogna. (cap. IV, Notizia biobibliografica, p. 78)

Note[modifica]

  1. Joan Arús i Colomer (1891 - 1982).

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]