Guido Tonelli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Guido Tonelli (1950 – vivente), fisico italiano.

Citazioni di Guido Tonelli[modifica]

  • Il bosone di Higgs non solo ora lo abbiamo davanti agli occhi ma ha anche aperto una nuova fisica. Le sue caratteristiche sono un po' diverse da come la teoria l'aveva immaginato e presenta alcune anomalie che prospettano nuovi mondi della conoscenza da indagare. Ed è quello che faremo nei prossimi mesi.[1]
  • Senza il bosone di Higgs non esisterebbe la chimica e non esisteremmo noi. Fra le sue funzioni, questa particella limita il raggio delle interazioni deboli all'interno del nucleo degli atomi e lascia invece che le interazioni elettromagnetiche abbiano una portata più estesa nello spazio, permettendo che giochino un ruolo importante nella nostra vita quotidiana. Spiega poi come mai le particelle elementari abbiano masse diverse l'una dall'altra.[2]

Da Genesi: Il grande racconto delle origini

Rinascimento Culturale. Video disponibile su Youtube.com (min. 21:00-27:15).

  • Il popolo ebraico è uno [degli esempi] di popolazioni che hanno subito terribili persecuzioni e colpi tremendi della sorte, al quale è servito il libro, il racconto, l'identità, le radici. È servito per andare avanti, per costruire un futuro. Il racconto delle origini ti permette di costruire un futuro; se non hai un racconto delle origini, il futuro è più oscuro, sei in balìa del futuro, non hai idea di cosa puoi costruire e volere per il futuro. Sei più fragile. Per certi versi, questo meccanismo di selezione naturale ha funzionato per migliaia di anni e da lì sono nate le grandi costruzioni: la religione, la filosofia, la scienza dei greci, la poesia, la musica, la pittura, sono nate le tragedie.
  • Veniamo all'oggi: noi oggi possiamo fare a meno di questo racconto delle origini, di collocarci, di dare un senso alla nostra esistenza, di vedere noi come un anello di questa lunga catena? Oppure questo problema è superato? [...] Nasce dal mio punto di vista quasi un impegno civile, a dire [che] io conosco la scienza, la tecnologia, ne conosco le potenzialità, i rischi, [posso dire che] in questo periodo c'è ancora più bisogno di costruire delle forti, solide base culturali e quindi per certi versi c'è ancora più bisogno di avere un racconto delle origini, di essere più consapevoli. Ho in mente un'immagine mitica, la polis greca, in cui la piccola comunità si costruisce attraverso il mito, la paideia [...]. Non possiamo lasciare il nostro futuro in mano ad un élite semionnipotente che userà le conoscenze che ha per fare profitti mostruosi ed aumentare in maniera incredibile le disuguaglianze.
  • Quale è la visione del mondo che oggi possiamo costruire? La visione del mondo che dà la scienza, non ha eguali. La scienza ha soppiantato i racconti mitologici, i racconti filosofici o la religione – sto dicendo dal punto di vista della descrizione dell'origine dell'universo, non per il resto –: non c'è nessun'altra forma di sapere che sia in grado di dare una descrizione più completa e convincente di quale è l'origine di questa meraviglia che abbiamo intorno. Oggi la scienza è in grado di farlo in una maniera che fa impallidire i racconti mitologici, i racconti fantastici o le semplificazioni. Però, questo racconto che darebbe una grande solidità, una grande consistenza a chiunque, è conosciuto solo da un piccolo gruppo di specialisti – è questo il punto – gli scienziati, perché quel racconto è costruito con strumenti tecnici che sono difficili da maneggiare: sono equazioni e il linguaggio scientifico, che richiede anni e anni di preparazione. E questo, chiaramente, non è alla portata di tutti.

Note[modifica]

  1. Citato in Giovanni Caprara, «Provata l'esistenza del bosone di Higgs». È la particella all'origine dell'Universo, Corriere.it, 4 luglio 2012.
  2. Citato in Elena Dusi, Parla italiano la Particella di Dio, la Repubblica, 22 dicembre 2011.

Altri progetti[modifica]