Gustavo Bontadini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Gustavo Bontadini (1903 – 1990), filosofo italiano.

Appunti di filosofia[modifica]

  • Filosofia e metafisica sono malfamate a causa delle interminabili dispute che, da sempre, le hanno devastate.
  • Il male, il peccato, la catastrofe ed anche la droga non possono essere il materiale occasionale che Dio offre agli uomini perché riescano in qualche modo a vederlo, a sentirlo e a capirlo?
  • L'educatore deve saper misurare il peso di ciò che egli promuove.
  • La filosofia è come l'orizzonte, che può spostarsi in qua ed in là, ma, come orizzonte, c'è sempre.
  • La filosofia guarda la realtà, è perciò teoria, ma la guarda così come essa si connette alla scelta del fine e perciò dell'impegno pratico.
  • La filosofia, nel grandioso tornante che la storia dello spirito umano sta oggi compiendo, sembra chiamata ad assumersi la responsabilità della nuova forma di umanesimo, che si impone.
  • La sete di sapere c'è, lo sappiamo da molti segni: tutto ciò che può contribuire a saziarla, anche se con mezzi ed in misura modesti, deve essere considerato provvidenziale e coltivato con cura.
  • Se non riesce in questo impegno di penetrazione dell'umano, di diffusione sociale, la filosofia ha fallito l'occasione offertale dal tempo.
  • Tra l'essere ed il nulla non c'è termine di mezzo.
  • Tutte le discipline hanno l'essere come ultimo oggetto materiale; ma si deve dire che la metafisica lo ha come oggetto formale.
  • Un generico sentimento umanitario può portare alla pace come alla guerra, all'oppressione come alla libertà, alla violenza come alla rassegnazione.

Bibliografia[modifica]

  • Gustavo Bontadini, Appunti di filosofia, Vita e Pensiero, 1996

Altri progetti[modifica]