Horizon Zero Dawn

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Horizon Zero Dawn

Immagine Logo Horizon Zero Dawn.svg.
Sviluppo Guerrilla Games
Pubblicazione Sony Interactive Entertainment
Anno 2017
Genere action RPG
Tema post-apocalittico
Piattaforma PlayStation 4

Horizon Zero Dawn, videogioco del 2017.

Incipit[modifica]

Che cosa c'è? Non ti piace il freddo? Oggi dobbiamo uscire. Abbiamo un rituale da compiere, tu e io. Ecco... metti questa. [le mette una collana al collo] Apparteneva a mia figlia. Bene. Oggi pronuncerò il tuo nome, piccola. Ma... la Dea lo ripeterà?
Di solito, è la madre a fare l'annuncio... se solo l'avessi. Parteciperebbe tutto il villaggio e ci sarebbero anche le Matriarche. Ma... noi siamo emarginati. Seguiamo i rituali della tribù. Altrimenti diverremmo come gli infedeli Predecessori, che voltarono le spalle alla Dea. E per questo furono condannati. A noi è rimasto lo splendore del creato. Bestie di aria, acqua, terra... e acciaio. Un conto è cacciare una bestia, ma con le Macchine è un'altra cosa. Devi essere umile e rispettare il loro potere. Te lo insegnerò... un giorno. (Rost) [ad Aloy]

Frasi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Tanti auguri, Isaac! Il papà vuole molto bene al suo ometto. Senti, papà non può essere con te e la mamma, ma... Possiamo ancora festeggiare, eh? Certo che sì! (Padre)
  • O Madre, dopo il mio esilio, non ho forse la stessa costanza di un fiume? Non sono rimasta salda come la roccia? Mostrami la tua grazia, Madre, e occupati di me ancora una volta. (Grata) [preghiera]
  • O Madre, ascoltami mentre conto i miei anni di devozione con questi grani. Lascia che ti sussurri, come il tuo soave sussurro giunge nel fruscio dell'erba. O Madre, vedi come i grani si sono logorati nelle mie conte? Quando erano nuovi, pregavo per gli anziani. Ma ora che sono vecchi come me, prego per i giovani. (Grata)
  • La sopravvivenza è perfezione. (Aloy)
  • Ascoltaci, o Madre. Cos'è un figlio? È la speranza della Madre che prende il volo. Una fiamma luminosa che ascende nell'aria e fluttua libera nel vento. Che naviga nel cielo, si attenua e scompare. È così che la catena di amore si tramanda di persona in persona. (Cerimonia della Benedizione)
  • Che l'alba possa trovarti, il giorno riscaldarti e il tramonto illuminare il tuo cammino. (Irid) [benedizione rivolta ad Aloy]
  • Che la Madre ti benedica e ti protegga. (Teersa) [ad Aloy]
  • Vivere nella gloria del passato è un modo per farsi uccidere. (Aloy) [a Marea]
  • Prima mi emarginate e ora questo?!? Non dovete venerarmi! Non sono la "Prescelta"! Io non sono vostra! C'è un mondo intero oltre i vostri confini, ci sono altre tribù di gente buona quanto voi! E sono tutte in pericolo! È un mondo per cui combattere. Non solo qui. Ovunque. (Aloy) [quando i Nora si inginocchiano di fronte a lei]

Dialoghi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Teersa: O Madre, ti invochiamo per dare un nome a questa bambina. Che il tuo amore possa scaldarle la vita come il sole scalda la Terra intera! Pronuncia il suo nome!
    Rost: Aloy!!!
    Teersa: Che il suo nome sia benedetto!
  • Rost: Ti sei addestrata per anni per vincere la Prova, ma solo per te stessa. Come Audace, sarà tuo compito combattere per la tua tribù…
    Aloy: La mia tribù?!? Avevi detto che non mi serviva!
    Rost: Ma non che non avresti mai dovuto servirla! La forza di stare da soli, Aloy, è la forza di prendere una posizione. Di servire uno scopo più grande di noi.
  • Aloy: Non ho mai avuto una madre.
    Sylens: Che stai dicendo? Ne hai avute due. Una donna e una macchina.
    Aloy: Non sono una persona, ma uno strumento… realizzato da una macchina. Nata dalla distruzione… e dal fuoco…
    Sylens: Per spegnere le fiamme e guarire il mondo.
  • Elisabet: Era un kit di elettronica per bambini, ma l'avevo collegato a una batteria a pannelli solari e l'erba ha preso fuoco. E, con essa, un pino che era lì… non so, da almeno cent'anni.
    GAIA: Domanda: quanti anni avevi?
    Elisabet: Sei. Mia madre era a casa, grazie a Dio, così ha dovuto chiamare i pompieri… E subito dopo mi ha portato in giardino e mi ha mostrato i passerotti morti. Perché c'erano dei nidi in cima al pino.
    GAIA: Domanda: cos'hai provato?
    Elisabet: Non lo so. Ricordo di aver urlato che non m'importava. Allora mia madre mi prese la faccia fra le mani… e parlò.
    GAIA: Domanda: che cosa ti disse?
    Elisabet: Che doveva importarmi. Disse: "Elisabet, essere intelligenti non significa nulla se non rendi il mondo migliore. Devi usare la testa per valere qualcosa, e servire la vita, non la morte".
  • GAIA: Se avessi avuto un figlio, Elisabet, come avresti voluto che fosse?
    Elisabet: Immagino… che avrei voluto che lei… fosse… curiosa. E ostinata. Inarrestabile, anche… Ma con abbastanza compassione da… guarire il mondo… Solo un po'.

Altri progetti[modifica]