Hugo Chávez

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Hugo Chávez in Brasile, 2003

Hugo Rafael Chávez Frías (1954 – 2013), politico venezuelano.

  • Simón Bolívar, padre della nostra Patria e guida della nostra Rivoluzione, giurò di non dare riposo alle sue braccia, né dare riposo alla sua anima, fino a vedere l'America libera. Noi non daremo riposo alle nostre braccia, né riposo alla nostra anima fino a quando non sarà salva l'umanità. (Discorso alla sessione per il 60° anniversario dell'ONU, 15 settembre 2005)
  • Se escono con qualunque "marramucia" (trappola), dandoci degli imbroglioni, disconoscendo il trionfo o ritirandosi prima delle elezioni, allora convocherò un referendum attraverso decreto per chiedere ai venezuelani se accettano che possa rimanere rieletto fino al 2031. (dal discorso alla nazione durante il programma Alò Presidente sulle elezioni del 2006; citato da La Prensa)
  • Colui che firmerà contro Chávez, il suo nome sarà registrato per la storia, perché dovrà mettere il suo nome, cognome, la sua firma, numero di carta d'identità e impronta digitale.[1]
  • Sotterrate la lista di Luis Tascon! Sicuramente ha compiuto una pagina importante in un momento determinante, ma ormai fa parte del passato.[2]
  • L'unica forma in cui la concessione non finisca è che domenica 27 a mezzanotte Hugo Chavez non sia presidente del Venezuela! È l'unica forma.[3]
  • Se con questo stiamo limitando la libertà d'espressione, al contrario! Finisce la tirannia che ha tenuto questo gruppo economico in quel canale, perché lì hanno esercitato una vera tirannia.[3]
  • [Sui video trasmessi in diretta da parte di Globovision sugli scontri a Caracas contro la chiusura di RCTV] Quel Chavez permissivo ve lo voglio ricordare! I signori di Globovision si devono ricordare fino a che punto possono arrivare! [3]
  • I fascisti non sono esseri umani. Un serpente è più umano di un fascista.[4] [5]
  • [Su Mu'ammar Gheddafi] L'hanno ucciso; è un oltraggio; lo ricorderemo sempre come un grande combattente, un rivoluzionario e un martire.
They killed him; it's an outrage, we will remember him always as a great warrior, a revolutionary and a martyr.[6]
  • [Ultime parole] Non voglio morire, per favore non lasciatemi morire.
Yo no quiero morir, por favor no me dejen morir.[7]

Note[modifica]

  1. Sul Referendum Revocatorio del 2004: video.
  2. Sul Referendum Revocatorio del 2004, parlando della tanto contestata Lista Tascon pubblicata in internet e publicizzata dal Presidente assieme al Deputato Tascon con i dati dei firmatari per il Referendum: video.
  3. a b c Sul canale RCTV: video
  4. [1], BBC NEWS Saturday, 10 November 2007, 21:00 GMT Shut up, Spain's king tells Chavez.
  5. YouTube.  Fonte? Fonte?
  6. Citato in Kejal Vyas, Venezuela's Chavez Condemns Gadhafi's Killing, Calls Him 'Martyr', Wall Street Journal, 20 ottobre 2011.
  7. Citato in Las últimas palabras de Chávez: "No quiero morir. No me dejen morir", El Mundo.es, 7 marzo 2013.

Altri progetti[modifica]