I segreti di Twin Peaks (film)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

I segreti di Twin Peaks

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Twin Peaks

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1990
Genere thriller
Regia David Lynch
Sceneggiatura David Lynch, Mark Frost
Interpreti e personaggi

I segreti di Twin Peaks, film statunitense del 1990, regia di David Lynch.

Frasi[modifica]

  • È morta, Harry... Avvolta nella plastica! (Pete Martell)
  • [Parlando ad un registratore] Diane, quando due eventi, due fatti riguardanti la stessa indagine si verificano simultaneamente, dobbiamo sempre considerarli con la massima attenzione. (Dale Cooper)
  • [Spegnendo le candele del rituale di Bob] Esprimi un desiderio. (Dale Cooper)

Dialoghi[modifica]

  • Lucy Moran: [Prima di dormire, lei sta giocando con una racchetta da Ping Pong mentre Andy suona la tromba quando il telefono squilla] Pronto, casa di Lucy Moran, risponde Lucy.
    Leland Palmer: Lucy? Lucy!
    Lucy Moran: [A Andy] Shh, Andy, Shh! Non hai visto che sto parlando al telefono? [Andy smette di suonare]
    Leland Palmer: Lucy, sono Leland Palmer. Vorrei mettermi in contatto con lo sceriffo, ma in casa sua non risponde nessuno. Sai dove posso trovarlo?
    Lucy Moran: Beh, vede, signor Palmer, adesso io non sono nell'ufficio dello sceriffo, e siccome non mi trovo lì ma sono qui in casa mia non ho la più pallida idea di dove sia finito lo sceriffo Truman.
    Leland Palmer: Oh, no... Lucy, ascoltami un momento, per favore! Mia moglie ha una cosa importante da dire. è convinta di aver visto l'assassino, questa mattina, nella camera di Laura.
    Lucy Moran: No... Com'è possibile, signor Palmer?
    Leland Palmer: Ah, non lo so, non riesco a spiegarmelo. Ma lei ne è convinta, perciò bisogna fare qualcosa.
  • MIKE: [Cooper e Truman si recano nell'obitorio dell'ospedale, dove si trova un misterioso uomo con un braccio solo che vuole parlargli degli omicidi] Stamattina Laura Palmer era qui, vero? [Guarda il lettino su cui era disposto il cadavere di Laura] "Nell'oscurità di un futuro passato, il mago desidera vedere. Un'uomo canta una canzone, tra questo mondo e l'altro. Fuoco, cammina con me. Noi, viviamo tra la gente. Tu lo chiameresti un negozio conveniente. Noi ci viviamo sopra, proprio così com'è, come lo vedi tu. Il mio nome è Mike, ed il suo, il suo è BOB".
    Dale Cooper: Lei si trovava con noi nell'ascensore dell'ospedale, oggi alle tredici e trenta.
    MIKE: Stavo cercando Bob. Lui certe volte lavora in mezzo agli infermi... Hai feriti di ogni specie. Io lo stavo cercando, signor Cooper, da più di un anno. Aspettavo che Bob venisse allo scoperto. [Sorride] Ho saputo che vorreste avere notizie sulle sue attività recenti. Anch'io sono stato toccato dall'essere infernale. Un tatuaggio sulla spalla sinistra. Ah, ma il giorno che vidi il volto di Dio divenni un'altro, e mi staccai il braccio intero.
  • [Su indicazione di MIKE, Truman e Cooper si recano nel sotterraneo dell'ospedale e qui vi trovano BOB, inginocchiatosi davanti ad alcune candele]
    BOB: [Accorgendosi di loro, gli sorride malevolo] Salve. Benvenuti nel rifugio dell'assassino! Scendete, non vi farò alcun male! Venite avanti! [Puntandogli le pistole contro, Cooper e Truman avanzano lentamente verso di lui] C'è anche MIKE con voi? [Non avendo risposta, finge di essere triste] Oh, avrei tanto voluto cantare insieme a lui, come facevamo tempo fa. [Guardandosi attorno] MIKE? MIKE? Puoi sentirmi? [Non visto, MIKE inizia a scendere piano le scale del sotterraneo] "Testa vince, croce perde. Corri, corri, criminale! La notte scende, il sole sale! Ti catturerò...Con il mio sacco mortale!"
    Sceriffo Truman: Le lettere. Che significato avevano?
    BOB: Robert. è il mio nome di battesimo. Teresa inizia per T!
    Dale Cooper: Si, è vero.
    BOB [Ultime parole]: Forse penserete che io sia impazzito, ma vi faccio una promessa: tornerò ad uccidere...Ancora!
    MIKE [Ultime parole]: [Spuntando dalla scala, armato di pistola] Ah, è quello che vedremo! [Spara due colpi di pistola su BOB uccidendolo, ma poi sembra essere colto da convulsioni] Argh! Non avete della morfina? è un dolore terribile! Aspetta il tuo turno, BOB! [Crolla a terra, e Truman lo stringe tra le proprie braccia] BOB... Aspetta che arrivi il tuo momento...! [Muore]

Altri progetti[modifica]