I visitatori

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

I Visitatori

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Les visiteurs

Lingua originale francese
Paese Francia
Anno 1992
Genere Commedia
Regia Jean-Marie Poiré
Sceneggiatura Christian Clavier, Jean-Marie Poiré
Produttore Alain Terzian
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

I visitatori, film francese del 1993 con Jean Reno, Christian Clavier e Valérie Lemercier, regia di Jean-Marie Poiré.

Frasi[modifica]

  • Ch'io deceda se recedo! (Goffredo l'Ardito)
  • La figlia di un duca non corre incontro a un conte di nessun conto! (il duca di Puy inseguendo la figlia)
  • Il tempo è una montagna attraversata da segreti cunicoli... (il mago Eusebius)
  • Ortous orceda, et ubu udite, fiumano o vespro, os capitorzolo oh capra santa, così sia! [La formula magica per viaggiare nel tempo] (il mago Eusebius)
  • Ehi, dico oh! Siete artisti della tele? Vi siete mascherati come a carnevale! Ehi, oh! Oh puttana della miseria, dico! Siete artisti della tele? Ehi ehi no ehi, visto che siete dello showbusiness, non è che conoscete... ehm... Eddie Barclay? Perché io ho una carriera come ballerina e cantante e... se potreste farmi avere un'audizioncina... cambierebbe la mia vita!! E che vi preoccupo? Non canto peggio di Stefy di Monaco! (Ginette, la barbona, incontrando per la prima volta Goffredo e Jean Cojon)
  • Ehi, un momento: se andate via, portatevi anche i suoi abiti smessi! Perché puzzano di capra da togliere il respiro! (il dottor Beauvin ai coniugi Goulard-Montimirail, riferendosi ai vestiti di Goffredo)
  • Jean Cojon, spaluda! (Goffredo l'Ardito, ordinando a Jean Cojon di asciugare il pavimento)
  • Merda atomica! (Giacinto Maria Jeanco, imprecando)
  • Jeanco, il castello non è dotato di parafulmine, è folle! Quando esplode la bacheca per poco non ferisce il presidente! (Fabienne Morlot, segretaria di Eduard Bernet, rivolgendosi a Jeanco, molto arrabbiata)
  • Jeanco, badi, se il presidente ha un parafango bruciato, si va subito in tribunale! (Fabienne Morlotm, segretaria di Eduard Bernet, rivolgendosi a Jeanco, molto arrabbiata)
  • Il presidente si è fatto la doccia dopo il dibattito dello sponsoring: si è lavato la testa! L'acqua era gelata, non si è sciacquato il balsamo, se non troverete il modo di ridare l'acqua calda, ci sarà la sospensione del meeting! (Fabienne Morlotm) [rivolgendosi a Jeanco, molto arrabbiata]
  • E ora lasciaci, garzona! (Goffredo alla segretaria Jaqueline)

Dialoghi[modifica]

  • Goffredo: Forza fidato Jean Cojon, che poi partiamo!
    Fabienne Morlot: Quando partite?
    Goffredo: Questa notte!
    Beatrice: Questa notte?
    Jean-Pierre: Amo guidare di notte: ho dieci decimi di vista e sono un po' nictalope. E poi diciamolo, hai meno a che fare con i pazzi!
    Fabienne: Tranne quando c'è la nebbia!
    Bernet: Non lo so, viaggio sempre in elicottero!
  • Jeanco: Ma dove vanno quelli? Jaqueline, dove vai con i... signori?
    Jaqueline: Gl-gli mostro la camera dell'Ardito...
    Goffredo: Si locandiere, ne faremo dimora per qualche notte.
    Jeanco: Con il suo amico? Non c'è che un letto!
    Goffredo: Dormirà per terra, dinanzi alla porta.
    Jean Cojon: Eh-eh!
    Jeanco: No! Questo qui non si fa, no!
    Goffredo: Allora dormirà nella scuderia!
    Jean Cojon: Ah no, pietà, la scuderia no, preferisco la foresta!
    Jeanco: No, non esistono più le scuderie, perciò o paga una stanza o va nella foresta!
    Jean Cojon: Ah, mi capisci, mio disceso, sei un brav'uomo tu (baciandolo)
    Jeanco: [spingendolo] Oh, non mi tocchi lei! Fila via! E io non sono un brav'uomo, né amico, né fratello, non s'illuda, NIENTE!
    Beatrice: E lei farà dormire suo fratello all'addiaccio?
    Jeanco: Ma non è mio fratello, cazzo!
    Beatrice: Oh!
    Jeanco: Non lo conosco, non l'ho mai visto in vita mia! Dorma dove vuole, me ne fotto!
    Beatrice: Lei è di un volgare!

Altri progetti[modifica]