Il dormiglione

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Il dormiglione

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Sleeper

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti
Anno 1973
Genere commedia
Regia Woody Allen
Sceneggiatura Woody Allen, Marshall Brickman
Interpreti e personaggi

Il dormiglione, film statunitense di Woody Allen del 1973.

Frasi[modifica]

  • Il mio cervello è il mio secondo organo preferito. (Miles)
  • [Rispondendo alle domande del dott. Tryon su Nixon] Sì, era presidente degli Stati Uniti, ma so che quando usciva dalla Casa Bianca il servizio segreto contava l'argenteria. (Miles)
  • Non voglio assolutamente sentirne parlare. Il mondo è pieno di cose meravigliose. Perché deve esserci qualcosa che vien fuori a guastar tutto? Voglio dire, perché ci deve essere una resistenza? Dopo tutto, c'è il globo, c'è il teleschermo e c'è l'orgasmatic! Che vogliono di più? (Luna)
  • Sai che odio i topi! Mi fanno senso più della censura. (Miles)
  • È quello che io chiamo fattore "Pinocchio" per cui la radice quadrata della proboscide è uguale alla somma delle sinusiti per 3,14. (Miles)
  • Sono mulatto: mio padre è negro, mia madre bianca e viceversa. (Miles)

Dialoghi[modifica]

  • Luna: Com'è che non sei attratta da me? Sai io... gli uomini impazziscono per me: ho un gran fisico io! Ho anche una laurea in sesso orale.
    Miles: Ci avrai certo abbinato una lingua.
    Luna: Che cosa?
    Miles: Bé, non lo so... io mi sono laureato in lettere e ci avevo abbinato "semantica prepuziale". Era una specializzazione così richiesta...
  • Luna: Vuoi esibirti in un atto sessuale con me?
    Miles: Esibirmi? Mi sa che non sono all'altezza di una vera e propria esibizione. Possiamo però fare una prova in costume, se ti va.
  • Luna: Come hai saputo tu del sesso?
    Miles: Io da mia mamma. Quand'ero piccolo le chiesi: da dove escono i bambini? Lei capì "i piombini" e mi disse "dal fucile". Quando una signora del palazzo ebbe tre gemelli, io pensai che fosse a tre canne.
  • Luna: Ma tu credi in Dio?
    Miles: Se io credo in Dio? Puoi definirmi un ateo teologico esistenziale. Io credo in un'intelligenza dell'universo con l'eccezione di qualche cantone svizzero.
    Luna: Ma perché non capisco quasi mai quello che dici?
    Miles: Perché, tu credi in Dio?
    Luna: Be', io credo che... che ci sia qualcuno lassù che ci osserva dall'alto.
    Miles: Sì, purtroppo è il governo.
    Luna: Mike, Mike, hai mai pensato che se scrivi «oh, Dio» tutto attaccato scrivi «odio»?
    Miles: Sì, allora?
    Luna: Ti fa riflettere!
  • Luna: Mentre tu eri una pedina nella società capitalistica, Hern mi iniziava alla bellezza di Carlo Marx.
    Miles: Chi ti iniziava?
    Luna: Hernon! Devi assolutamente conoscerlo, è meraviglioso: questione di mesi e capeggerà la rivoluzione e instaurerà il regime marxista. Le masse oppresse saranno governate da lavoratori.
    Miles: Mi ricordi Lisa Sorentson.
    Luna: Chi?
    Miles: Una mia vecchia amica del Village, una trotskista che diventò patita di Gesù e fu arrestata perché vendeva albi pornografici da colorare.
  • Luna: Mike, Hern guiderà la rivoluzione, e sarà il capo del nuovo governo, e...
    Miles: Senti, ma non lo capisci? Entro sei mesi ruberanno anche il naso di Hernon: le soluzioni politiche non funzionano. T'ho detto che non importa chi comanda, sono tutti tremendi. Sai, gli uomini politici... che.. che cos'hai da guardarmi in quel modo?
    Luna: Io credo che tu mi ami.
    Miles: Oh, ma certo che ti amo, questo è il senso della cosa. Io... E tu ami me, io lo so, e non ti biasimo, cara. Sai, io, io non ti demolisco Hernon, sai, se... è perfetto se a te piace il tipo biondo, prussiano, nordico, ariano, nazista, con il pedigree.
    Luna: Mike, ma non capisci che anche le unioni più perfette fra uomini e donne non durano? È provato scientificamente. Vedi, c'è un'alchimia nei nostri corpi, la quale fa sì che ci veniamo reciprocamente sui nervi, cogli anni.
    Miles: Eh, che scienza? Io non credo nella scienza, no, perché sai, la scienza è un vicolo cieco, è intellettuale, sono un sacco di ometti con dei camici che sventrano ranocchi e svenano fondazioni.
    Luna: Oh, ci sono. Tu non credi nella scienza. E non credi nelle politiche fondate sul lavoro. E non credi neanche in Dio, eh?
    Miles: Vero.
    Luna: E allora, in che cosa credi?
    Miles: Nel sesso e nel decesso, due cose veramente fondamentali nella vita, ma almeno dopo la morte non hai la nausea.

Altri progetti[modifica]