Il marchese del Grillo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Il marchese del Grillo

Immagine SordiMarchese.jpg.
Titolo originale

Il marchese del Grillo

Lingua originale italiano
Paese Italia, Francia
Anno 1981
Genere commedia, storico
Regia Mario Monicelli
Soggetto Bernardino Zapponi, Leonardo Benvenuti, Piero De Bernardi, Mario Monicelli, Tullio Pinelli
Sceneggiatura Bernardino Zapponi, Leonardo Benvenuti, Piero De Bernardi, Mario Monicelli, Tullio Pinelli, Alberto Sordi
Produttore Renzo Rossellini
Interpreti e personaggi
Note

Il marchese del Grillo, film italiano del 1981 con Alberto Sordi e Paolo Stoppa, regia di Mario Monicelli.

Frasi[modifica]

  • Mi dispiace, ma io so' io e voi non siete un cazzo! (Marchese del Grillo)[1]
  • Quanno se scherza, bisogna èsse' seri! (Marchese del Grillo)
  • C'hai l'occhi boni assai pe' vede' quello che nun c'è. (giocatore d'azzardo)
  • Il grillo del marchese sempre zompa... chi zompa allegramente bene campa! [Parola d'ordine porte del Quirinale]
  • Chi se gratta la fronte c'ha le corna pronte! (Ricciotto)
  • 'A verità, è che nun avete niente da di'. (Marchese del Grillo) [A teatro rivolto a degli artisti]
  • Ma che, voi scopa'? (Gasperino, sosia del Marchese del Grillo)
  • Tiè, dice che 'n so fa' niente. (Marchese del Grillo) [Alla madre, dopo aver preso in bocca un chicco d'uva lanciato in aria]
  • Mia cara Olimpia, méttete in pompa, che sto grillaccio der marchese sempre zompa! Zompa chi campa, allegramente... (Marchese del Grillo) [Canticchiando]
  • Un ideale un uomo deve averlo, anche se è sbagliato. (Blanchard)
  • Facce vedé 'ste bellezze nascoste. (il Marchese del Grillo alla madre di Faustina)
  • E brava Genuflessa! (Marchesa)
  • Hai sentito cos'hanno fatto 'sti sporcaccioni di francesi? Dice che vogliono fare arrivare delle compagnie di teatro dove le parti da donna le recitano addirittura delle donne vere. (Marchesa)
  • Roma è tutta un vespasiano. (Marchese del Grillo) [ad Olimpia, la quale cercava un angolino per fare pipì]
  • È ancora mezzo e mezzo... metà marchese, metà carbonaro [In quel momento il carbonaio\Marchese emette un forte rutto] ...questo era il carbonaro. (Mons. Terenzio del Grillo)
  • [Sul patibolo prima di essere ghigliottinato.] E voi, massa di pecoroni invigliacchiti, sempre pronti a inginocchiarvi, a chinare la testa davanti ai potenti! Adesso inginocchiatevi, e chinate la testa davanti a uno che la testa non l'ha chinata mai, se non davanti a questo strummolo qua [la ghigliottina]! Inginocchiatevi, forza! E fatevi il segno della croce! E ricordatevi che pure Nostro Signore Gesù Cristo è morto da infame, sul patibolo, che è diventato poi il simbolo della redenzione! Inginocchiatevi, tutti quanti! E segnatevi, avanti! E adesso pure io posso perdonare a chi mi ha fatto male. In primis, al Papa, che si crede il padrone del Cielo. In secundis, a Napulione, che si crede il padrone della Terra. E per ultimo al boia, qua, che si crede il padrone della Morte. Ma soprattutto, posso perdonare a voi, figli miei, che non siete padroni di un cazzo! E adesso, boia, mandami pure all'altro mondo, da quel Dio Onnipotente, Lui sì padrone del Cielo e della Terra, al quale – al posto dell'altra guancia – io porgo... tutta la capoccia! (Don Bastiano)
  • No, Bastiano.. per me lui è un uomo, non francese.. io so' amico dell'omo, no der francese!! (Marchese) [a Don Bastiano che lo accusava di farsela con i francesi].

Dialoghi[modifica]

  • Amministratore: Ci sarebbe Aronne Piperno l'ebanista, ha finito il suo lavoro e sarebbe giusto pagarlo.
    Marchese del Grillo: Sarebbe giusto dici?
    Amministratore: Credo di sì, signor Marchese.
    Marchese del Grillo: E allora facciamo giustizia... fallo veni'... Aronne Piperno... mò lo pago [Si accinge ad entrare Aronne Piperno.] ...Aronne Piperno... vieni vieni, vieni avanti...
    Aronne Piperno: Riverisco Eccellenza.
    Marchese del Grillo: Aronne tu lavori bene...
    Aronne Piperno: Grazie!
    Marchese del Grillo: ...bella a buasserie, bello l'armadio, belle e cassapanche... bello, bello, bello tutto... bravo... grazie, adesso te ne poi pure anna'.
    Aronne Piperno: Non ho capito, Eccellenza...
    Marchese del Grillo: Ah n'hai capito? Ho detto: adesso te ne poi anna'!!
    Aronne Piperno: Me ne devo anna'? Ma io c'avrei...
    Marchese del Grillo: Che c'avresti?
    Aronne Piperno: ...il conticino!
    Marchese del Grillo: Ah c'hai er conticino? E dammelo sto conticino!
    Aronne Piperno: Ecco...
    Marchese del Grillo: Ecco er conticino! Ecco fatto! [il marchese del Grillo strappa il conto di Aronne Piperno]
    Aronne Piperno: E perché l'ha strappato?
    Marchese del Grillo: Embè? Che ce faccio?!
    Aronne Piperno: Ma come che ce faccio. E li sordi miei?
    Marchese del Grillo: Eh... nun te li do.
    Aronne Piperno: Come nun me li da?
    Marchese del Grillo: E come? Voi sape' la procedura?
    Aronne Piperno: Sì sì sì
    Marchese del Grillo: Io i sordi nun li caccio e tu nun li becchi.
    Aronne Piperno: Ah ho capito, me vo' fa uno scherzo...
    Amministratore: Credo!
    Marchese del Grillo: Ecco bravo, chiamalo scherzo...
    Aronne Piperno: Lei è famoso per gli scherzi, ne raccontano tante...
    Marchese del Grillo: E allora racconta pure questo, Piperno.
    Aronne Piperno: Ho capito, forse Eccellenza vole un po' di sconto...
    Marchese del Grillo: No! Il marchese del Grillo nun chiede mai sconti: paga o nun paga... e io nun te pago! Buttalo fori...
    Aronne Piperno: Ma c'è quarche cosa che nun va?
    Marchese del Grillo: Ma tutto Aronne mio! Tanto comincia a di' nell'armadio che tu hai costruito io c'ho sbattuto un ginocchio che me so' fatto pure male!
    Aronne Piperno: Ma io che c'entro?...
    Marchese del Grillo: Nun è una buona ragione questa?
    Amministratore: Sì, Eccellenza!
    Marchese del Grillo: E in più... tu sei giudeo e i tuoi antenati falegnami hanno fabbricato la croce dove hanno inchiodato nostro signore Gesù Cristo... posso essere ancora un po' incazzato pe' sto fatto?
    Amministratore: Ma certo Eccellenza!
    Marchese del Grillo: Eh! 'o senti? Comunque... se credi d'ave' ragione famme causa.
    Aronne Piperno: Ma io c'ho ragione!
    Marchese del Grillo: E vabbè se i giudici te la danno io te pago... adesso famme anna' a dormi' che so' stato in piedi tutta la notte!
    Aronne Piperno: Ce ripensi Eccelenza!
    Marchese del Grillo: NO, NO...
    Aronne Piperno: Vengo domani?
    Marchese del Grillo: NOOO!!
    Aronne Piperno: Ma io c'ho famija!
    Marchese del Grillo: E io pure!
    Aronne Piperno: Ma che devo fa'?
    Marchese del Grillo: Te ne devi anna'!!! [Il marchese del Grillo ad Aronne Piperno l'ebanista.]
  • Giudice: Christi nomine invocato pro tribunalis sedentes hanc nostram definitivam sentenziam emanamus. Addi' 18 febbraio 1809, accertato dai periti che il lavoro in discussione non è stato eseguito dal Piperno Aronne a regola d'arte, che etiam, un antico portale è stato rovinato e diminuito sensibilmente nel suo valore originario, che etiam, provato che il Piperno, di religione ebraica, per portare a termine quel lavoro è rimasto fuori del ghetto oltre la chiusura serale dei cancelli, il tribunale respinge le richieste di Piperno Aronne ebanista nei confronti dell'eccellentissimo marchese Onofrio Del Grillo e lo condanna alle spese di questo giudizio. E per lite temeraria e reato contro le disposizioni del coprifuoco, ad essere etiam esposto alla pubblica gogna.
    Aronne Piperno: Pure!
    Giudice: In nomine Patris et Filii et Spiritus Sancti. Amen.
  • [il marchese del Grillo ha fatto murare l'ingresso della bottega di un prestatore, e vi ha fatto posizionare un vespasiano nel punto esatto dove c'era la porta. Arriva il prestatore, che non trova la bottega bensí il marchese.]
    Prestatore: Ma che è?... Aoh, ma... ma...
    Marchese del Grillo: Aoh, ma che stà a'guardà? [orinando sul vespasiano]
    Prestatore Ma questa è la bottega mia!
    Marchese del Grillo: No, intanto questa è bottega mia... che guardi zozzo?! Te faccio arresta', chiamo le guardie! Pussa via!
    Prestatore ...Ma nun è via de li Banchi Vecchi questa?
    Marchese del Grillo: Bè? A Via de' Banchi Vecchi nun se po' piscià in pace?
    Prestatore E piscia n'do te pare, ma no addosso al negozio mio!
    Marchese del Grillo: A-ha, aridaje... a'mbriaco! Qui c'è un vespasiano, che negozio tuo?
    Prestatore: Ma è tutto bagnato... [toccando il cemento ancora fresco]
    Marchese del Grillo: E certo, c'ho pisciato!
    Prestatore: Che è successo?? Come po' esse'?? Ieri sera c'era!
  • Papa Pio VII: Ricordati figliolo che la Giustizia non è di questo mondo, ma dell'altro.
    Marchese del Grillo: Eh, lo so Santità. Giustizia dell'altro mondo...
    Papa Pio VII Proprio così figliolo... E poiché Noi purtroppo siamo di questo mondo, ti condanniamo ugualmente a trenta giorni di fortezza. Dieci giorni per aver mancato di rispetto alla persona del Pontefice, dandolo per morto, del che facciamo i dovuti scongiuri; altri 10 giorni per esserti preso gioco della giustizia di questo nostro regno, facendo condannare un povero innocente.
    Marchese del Grillo: No, eh, quello l'ho risarcito, Santità, hai voglia! Ho pagato tre volte il suo credito, in più gli ho regalato un terreno fuori Porta San Sebastiano... eh eh. Avesse visto la faccia di Aronne Piperno, non stava più in sé dalla gioia!
    Papa Pio VII Eh vabbè... sorvoliamo e ti diamo un solo giorno.
    Marchese del Grillo: Grazie...
    Papa Pio VII Uno per ogni cardinale, per ogni principe, per ogni funzionario da te indotto in corruzione. Quanti sono?
    Marchese del Grillo: Chi, i corotti?
    Papa Pio VII: Sì, quandi so'?
    Marchese del Grillo: Be', 'na ventina.
    Papa Pio VII: E allora i conti tornano! Son sempre trenta giorni! Questo è il verdetto emesso dal Pontefice Pio VII in qualità di capo del governo pontificio.
    [...]
    Papa Pio VII: Onofrio, come papa e come capo della Chiesa di Cristo misericordioso, commuto seduta stante i trenta giorni di fortezza...
    Marchese del Grillo: Grazie, grazie.
    Papa Pio VII: ...in trenta pateravegloria da dirsi trenta volte per trenta giorni consecutivi.
    Marchese del Grillo: Ecco... allora era meglio anna' in fortezza!
  • Marchese del Grillo: Mamma, ma chi vi consente di disertare un pranzo con i miei amici? Dov'è finita la tradizionale signorilità della famiglia del Grillo? È questa la maniera di trattare gli ospiti?
    Marchesa: Prima de tutto i Francesi non sono degli ospiti, ma degli invasori, e tu dovresti saperlo mejo de tutti, perché quella notte in cui il nostro Papa fu rapito io te vidi rientrare, Onofrio, in fin di vita e tutto coperto de sangue per averlo più volte e doverosamente difeso.
    Marchese del Grillo: Eh a mà... ho fatto quello che ho potuto...
    Marchesa: Secondo: i del Grillo, proprio perché signori, non se mettono allo stesso tavolo con dei plebei. Terzo: statte attento Onofrio, perché quei miscredenti che tu consideri amici hanno azzardato alzare la mano sulla sacra persona del Pontefice, e perciò sò tutti scomunicati.
    Marchese del Grillo: Mamma il Medioevo è finito. La Chiesa, il Papato e tutti noi siamo finiti. E sò proprio 'sti Francesi che tu disprezzi che hanno portato una ventata d'aria nuova dappertutto.
    Marchesa: Noi non abbiamo bisogno d'aria nuova, caro Onofrio, e le finestre de 'sto palazzo resteranno chiuse finché er Papa non sarà tornato.
    Marchese del Grillo: E allora passerai il resto della tua vita al buio, mamma, perché ricordati che il futuro è nelle mani dei Francesi e in quelle di Napoleone che li guida.
    Marchesa: No. Il nostro futuro è nelle mani del Signore, e quel Napoleone che guida i Francesi, come dici tu, finirà presto o tardi col culo per terra, e ricordati tu invece che morto un Papa, se ne fa SEMPRE un altro!
  • [La marchesa da uno schiaffo a Genuflessa.]
    Genuflessa: Perché? Che ho fatto?
    Marchesa: Hai sognato di fornicare.
    Genuflessa: Io?
    Marchesa: Sì, e con mio figlio.
    Genuflessa: Ma chi ve l'ha detto?
    Marchesa: Lo so e basta. [Si vede passare il confessore con fare imbarazzato, che fa presumere abbia rivelato alla marchesa il segreto confessionale.] Vergogna! Dammi il braccio.
    Genuflessa: Ma che ci posso fare? Certi sogni ce li manda il diavolo.
    Marchesa: E allora fatteli mandare senza mio figlio. I sogni da mignotta te li fai con un altro.
  • [Il Marchese del Grillo è inginocchiato a lato della sedia gestatoria, mentre il Papa si appresta a sedervisi.]
    Marchese: Santità, perdonatemi... [Riferendosi all'apparente tradimento per il quale era stato condannato a morte]
    Papa: T'ho già perdonato ... sono sicuro che lo scherzo che t'ho fatto t'ha levato la voglia di fare scherzi per sempre!
    Marchese: Mai più, Santità!
    Papa: Hai avuto una gran paura, eh?
    Marchese: Veramente paura poca, anzi niente... perché la testa che stavate a ffa' taja' nun era mica la mia!
    Papa: Ma come, non eri tu?
    Marchese: ... e no!
    Papa: E chi era?
    Marchese: Era un povero carbonaro, preciso a me!
    Papa: ... [Il Papa trattiene a stento una rispostaccia forse fin troppo "papale-papale", alzando gli occhi al cielo tra l'insofferente, lo stizzito e il rassegnato. Si siede sulla sedia. I sediari - tra cui il Marchese - la sollevano... e come al solito, il Marchese fa finta di incespicare. Si ricomincia!]
    Papa: Aaaah, ricominciamo?
    Marchese: Eheh, il mondo è fatto a scale, Santità!
    Papa: Me farai rompere l'osso del collo, tu!
    Marchese: Embe', morto un Papa... se ne fa sempre un altro! [Il Papa benedice la folla facendo le corna.]
  • Commissario: Bravi, bravi... signor Marchese ma che ce fa lei in mezzo a tutta sta canaglia?
    Marchese del Grillo: [rivolto al bargello] Hai visto, mo so' cazzi tua!
  • [L'amministratore mette sul tavolo davanti a Gasperino dei soldi.]
    Amministratore: ... e 50 paoli, ecco Eccellenza.
    Gasperino: Che so' tutti mii?
    Amministratore: Certo Eccellenza.
    Gasperino: Mi'i posso mette dentro a sacca e facce quello che me pare?
    Amministratore: Eh... lei è il padrone... è la rendita della tenuta dei Parioli, purtroppo il grano quest'anno è andato così così.
    Gasperino :[Dopo aver squadrato l'amministratore dalla testa ai piedi...] ...Ma che li tieni tu li conti?
    Amministratore: Sono il suo umilissimo amministratore signor Marchese...
    Gasperino: E fammeli vedé 'sti conti. Quanto spennemo dentro 'sta casa?
    Amministratore: Ma perché? Non si fida di me? Sono generazioni che amministriamo la sua famiglia... prima mio nonno, poi mio padre e adesso io...
    Gasperino: Ma che t'offenni? Per esempio, quanto 'o pagamo er carbone? Famme sapè.
    Amministratore: [Dirigendosi verso il libro contabile.] Mmmh il carbone...
    Gasperino: Il carbone! Quanto 'o pagamo?
    Amministratore: E che possiamo pagare...
    Gasperino: E che possiamo pagare? Quanto 'o pagamo?
    Amministratore: Sette paoli il quintale.
    Gasperino: E 'a carbonella?
    Amministratore: Quattro.
    Gasperino: E le fascine, pe' accenne er foco?
    Amministratore: Cinque a dozzina.
    Gasperino: E 'a legna?
    Amministratore: E quella non la compriamo, viene dai nostri boschi... la vendiamo.
    Gasperino: E quanto ce famo?
    Amministratore: Dieci al quintale.
    Gasperino: 'o vedi che semo coijoni! Ma come, compramo tutto a tre volte il prezzo corente e solo 'a legna 'a vennemo alla metà?! Dice nun me fido... Ho fatto bene a vedé i conti... artro che. Se tu me freghi qui, me freghi su tutto! Perciò sei un ladro; sei ladro tu, tu padre e tu nonno e io ve licenzio a tutti e tre. [Gasperino si dirige verso una porta.] Aspetta 'n pò, prima da fa' fagotto dimme na cosa... Ma quer vinello che se semo bevuti giù a tavola, ma che 'o famo noi?
    Amministratore: Si signore, viene dalle vigne del Mascherone...
    Gasperino: Siii?!? E quanto ce n'avemo?
    Amministratore: Parecchie botti di quello nuovo più quello vecchio imbottigliato.
    Gasperino: E 'ndo stanno tutte ste botti e ste bottije... ortre che a casa tua?
    Amministratore: Giù in cantina.
    Gasperino: Allora io vado in cantina e tu te ne vai affanculo, brutto ladro.

Note[modifica]

  1. Vedi il sonetto 362 di Giuseppe Gioachino Belli "Li soprani der monno vecchio".

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]