Iona Jakir

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Iona Yakir, prima del 1937

Iona Ėmmanuilovič Jakir (1896 – 1937), militare sovietico.

Citazioni di Iona Jakir[modifica]

  • [Dopo il suo arresto] La mia vita è stata spesa interamente e coscientemente a lavorare in modo disinteressato e onesto in piena vista del partito e dei suoi capi [...]. Ogni parola che dico è onesta, e io morirò con parole d'affetto per voi, per il partito e per il paese, con una fede illuminata nella vittoria del comunismo.[1]

Citazioni su Iona Jakir[modifica]

  • Jakir, uomo cordiale e allegro, si ribella in carcere alle infami accuse che gli vengono attribuite. Scrive una lettera a Stalin, rivendicando la sua fedeltà al partito e a lui personalmente, che Stalin così postillerà: «Furfante e cortigiano». (Gianni Rocca)
  • Jakir, vivace, attivo e di aspetto giovanile, era figlio di un piccolo farmacista ebreo di Kišinev. [...] Dal 1926 comandava l'importantissimo distretto militare dell'Ucraina, sotto i diversi nomi che assunse successivamente. Era il solo militare di professione che fosse membro di pieno diritto del Comitato centrale. (Robert Conquest)

Note[modifica]

  1. Da una lettera a Stalin; citato in Robert Conquest, Il grande terrore (The Great Terror), traduzione di Adriana Valori Piperno, terza edizione BUR Storia, Rizzoli, Milano, 2006, pp. 325-326. ISBN 88-17-25850-4

Altri progetti[modifica]