Isabelle Eberhardt

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Isabelle Eberhardt (1895)

Isabelle Eberhardt (1877 – 1904), esploratrice e scrittrice svizzera di origini russe.

Citazioni di Isabelle Eberhardt[modifica]

  • [...] so bene che la febbre del vagabondaggio mi riprenderà, che me ne andrò; sì, so bene che sono ancora molto lontana dalla saggezza dei fachiri e degli anacoreti musulmani.
    Ma quello che parla in me, quello che mi rende inquieta, non è la voce più saggia della coscienza, è quello spirito irrequieto per il quale la terra è troppo stretta e che non ha saputo trovare in sé il suo universo.
    Finire nella pace e nel silenzio di qualche zaouїya del sud, finire recitando preghiere estatiche, senza desideri né rimpianti, di fronte ad orizzonti splendidi.
    In fondo, sarebbe questa la fine auspicabile quando verranno la stanchezza e il disincanto, più tardi.[1]

Note[modifica]

  1. Da Nel paese delle sabbie, cura e traduzione di Olimpia Antoninetti, Ibis, Como-Pavia, 1998. ISBN 88-7164-081-0; citato in Moghreb Isabelle Eberhardt, sagrana.net.

Altri progetti[modifica]