James Hilton

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

La signora Miniver

  • Miglior sceneggiatura non originale (1943)

James Hilton (1900 – 1954), scrittore e sceneggiatore britannico.

  • Staremo qui con i nostri libri, con la nostra musica, con le nostre meditazioni a custodire le fragili eleganze di un'età moribonda, cercando quella saggezza di cui gli uomini avranno tanto bisogno quando le loro passioni si saranno consumate. (da Orizzonte perduto)

Incipit di Addio, mister Chips![modifica]

Quando s'incomincia ad essere un po' avanti con gli anni (ma non infermi, naturalmente) ci si lascia talvolta prendere dalla sonnolenza, e le ore trascorrono via come placidi armenti che si muovano in un paesaggio.
Così avveniva a Chips mentre la sessione d'autunno procedeva, e i giorni si abbreviavano, sino a quando l'oscurità costringeva ad accendere il gas prima della campana d'"appello". Perché Chips, come certi lupi di mare, ancora misurava il tempo sui segnali del passato: e ben poteva farlo perché viveva nella casa della signora Wickett proprio di fronte alla scuola. Da più di dieci anni vi abitava: da quando cioè aveva dato l'addio finale all'insegnamento; e sia per lui che per la sua padrona di casa l'"ora di Brookfield" era ben più autorevole dell'ora di Greenwich.

Bibliografia[modifica]

  • James Hilton, Addio, mister Chips!, traduzione di Enrico Piceni, Mondadori, 1939.

Altri progetti[modifica]