Jean Anouilh

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Jean Anouilh (1910 – 1987), drammaturgo francese.

Antigone[modifica]

Incipit[modifica]

PERSONAGGI
Il CORO; ANTIGONE; ISMENE; EMONE; CREONTE; IL PAGGIO; EURIDICE; LA NUTRICE; IL MESSAGGERO; PRIMA GUARDIA; SECONDA GUARDIA; TERZA GUARDIA.

IL PROLOGO – Ecco. Questi personaggi vi reciteranno la storia di Antigone. Antigone è quella magrolina seduta laggiù, e che non apre bocca. Guarda diritto davanti a sé. Pensa. Pensa che fra poco sarà Antigone, che improvvisamente sorgerà dalla magra ragazza scontrosa e chiusa che in famiglia nessuno prendeva sul serio, e si ergerà sola di fronte al mondo, sola di fronte a Creonte, suo zio, che è il re. Pensa che sta per morire, che è giovane e che anche a lei sarebbe piaciuto vivere. Ma non c'è niente da fare. Si chiama Antigone e bisogna che reciti la sua parte fino in fondo... Da quando il sipario si è alzato, ella sente che si allontana a velocità vertiginosa da sua sorella, Ismene, che chiacchera e ride con un giovanotto; da noi tutti, che stiamo qui tranquilli a guardarla; da noi che non dobbiamo morire stasera...

Citazioni[modifica]

  • Per ciascuno di noi v'è un giorno, più o meno triste, più o meno lontano, in cui si deve infine accettare di essere uomo.

Medea[modifica]

Incipit[modifica]

PERSONAGGI
Medea; Giasone; Creonte; La nutrice; Il ragazzo; Le guardie.

In scena, all'aprirsi del sipario, sono MEDEA e la NUTRICE, accosciate a terra davanti ad un carrozzone. Delle musiche, dei canti vaghi in lontananza. Esse ascoltano.

Medea: La senti?
Nutrice: Che cosa?
Medea: La felicità. È in giro, nell'aria.
Nutrice: Cantano al villaggio. Forse è una festa, da loro, oggi.
Medea: Odio le loro feste. Odio la loro gioia.

Bibliografia[modifica]

  • Jean Anouilh, Antigone, traduzione di Adolfo Franci, Valentino Bompiani & C., 1949.
  • Jean Anouilh, Medea (Médée), traduzione di Giulio Cesare Castello, Valentino Bompiani & C., 1949.

Altri progetti[modifica]