Jean Clair

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Jean Clair
2013

Jean Clair, pseudonimo di Gérard Régnier (1940 – vivente), scrittore, storico dell'arte, curatore e accademico francese.

Citazioni di Jean Clair[modifica]

  • [Su Paolo Vallorz] L'incanto della pittura di Vallorz è proprio qui, nelle piccole dimensioni, in questo modo di essere non uno schermo immobile, un quadro astratto o per così dire immateriale, come un'immagine proiettata davanti alla quale, a distanza determinata, l'occhio deve sistemarsi, ma di essere prima di tutto quell'oggetto fatto di legno, di tessuto, di pigmenti, di leganti che si tengono in mano, si rigirano e si percepiscono. Prima di essere affresco o quadro di storia appeso alla parete, l'opera era un piccolissimo frammento inciso o dipinto che tenevamo nel cavo della mano. [...] Il miracolo della pittura – di una certa pittura, come quella che Vallorz ci propone – non è tanto che essa “dà da vedere”, come dice imprudentemente il poeta, ma piuttosto che “dà da mangiare”: nutre tutto il corpo attraverso quell'unica apertura che è l'occhio.[1]
  • [Su Paolo Vallorz] Può capitare che un quadro lo si desideri con la stessa intensità con cui si desidera possedere una donna. [...] Certi piccoli quadri di Chardin e di Courbet hanno talora acceso in me questo desiderio di possesso. Ma, ultimamente, mi è capitato davanti ad un quadro di cui ignoravo l'autore. L'esecuzione era preziosa, raffinata, controllata con maestria ed evocava la lezione degli antichi. Nessun dubbio invece che il quadro fosse contemporaneo. Era un piccolo nudo di donna. Ne fui subito sedotto e, spinto non solo dal sentimento della delectatio – che, diceva Poussin è della pittura il fine – ma ben anche da quello della pura concupiscenza, provai il desiderio di possederlo. Quasi che all'autore fosse riuscito il prodigio di trasferire il richiamo erotico della modella al quadro, facendo ricorso ai soli mezzi della pittura e senza cedere agli inganni dell'illusionismo. Questo fu il mio primo incontro con la pittura di Paolo Vallorz.[2]

Note[modifica]

  1. Da I cinque sensi, Citato in Paolo Vallorz la donazione al Mart, SilvanaEditoriale, Milano, 2011, p. 20.
  2. Da Ritratti e figure di Paolo Vallorz, Catalogo mostra, Compagnia del Disegno, Milano, 1982.

Altri progetti[modifica]