John Erickson

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

John Erickson (1929 – 2002), storico britannico.

Citazioni di John Erickson[modifica]

  • Si trattava di un piano [per l'invasione dell'Unione Sovietica, l'Operazione Barbarossa] ambizioso, aggressivo e brutale, anche se per rendersi pienamente conto di quanto in effetti esso fosse mostruosamente disumano i suoi comandanti militari, i magnati del partito e i satrapi assassini delle SS dovettero attendere ancora sino a quando Hitler rimuginò con ferocia l'aspetto «ideologico» della sua crociata antibolscevica e antislava, una pazza e terribile mistura di razzismo nazista e di brutale colonialismo. Per questi spregevoli Untermenschen, «sub-umani» slavi, che fossero riusciti a sopravvivere, non sarebbe rimasto altro destino che quello della schiavitù e dello sfruttamento.[1]

Note[modifica]

  1. Da La Wehrmacht prima dell'operazione «Barbarossa», in Storia della seconda guerra mondiale, diretta da sir Basil Liddell Hart e Barrie Pitt, edizione italiana Rizzoli-Purnell, diretta da Angelo Solmi, Rizzoli editore, Milano, 1967, vol. II, p. 250.

Altri progetti[modifica]