John Whitman

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

John Whitman (1967 — vivente), scrittore statunitense.

Incipit di alcune opere[modifica]

Star Wars, la galassia del terrore: la città dei morti[modifica]

Nella sua fortezza nascosta, lo scienziato si diresse a grandi passi verso una pesante porta di sicurezza. Un enorme droide di guardia GK-600, puntando un grosso fucile blaster, intimò: «Riconoscimento vocale e parola d'ordine».
Lo scienziato rispose tranquillo: «Progetto Starscream».
«Parola d'ordine verificata.» Il droide di guardia abbassò il fulminatore e aprì la porta di sicurezza.
Lo scienziato entrò nel suo modulo di controllo. Da quella sala di comando sorvegliava una rete galattica di computer e molti agenti, tutti in qualche modo coinvolti nel lavoro al Progetto Starscream. Ma solamente l'Imperatore, Darth Vader e lui conoscevano lo scopo finale del progetto.

Star Wars, la galassia del terrore: mangiati vivi[modifica]

LA porta di sicurezza scorrevole si aprì con un sibilo e una figura coperta da un mantello nero entrò nel laboratorio dove uno scienziato era chino su un tavolo anatomico. Sul tavolo giaceva qualcosa che dava segni di vita.
Quando la figura vestita di nero si avvicinò, lo scienziato non si girò. Soltanto altri due esseri in tutta la galassia potevano accedere alla sua fortezza nascosta, e sapeva chi era venuto a fargli visita.
«Benvenuto, Lord Vader», disse lo scienziato.

Bibliografia[modifica]

  • John Whitman, Star Wars, la galassia del terrore: la città dei morti, traduzione di Gian Paolo Gasperi, Sperling & Kupfer, 1999. ISBN 8820028253
  • John Whitman, Star Wars, la galassia del terrore: mangiati vivi, traduzione di Gian Paolo Gasperi, Sperling & Kupfer, 1999. ISBN 8820028247

Altri progetti[modifica]