Judith Guest

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Judith Guest (1936 – vivente), scrittrice statunitense.

Gente senza storia[modifica]

Incipit[modifica]

Per avere una ragione di alzarsi la mattina, bisogna possedere un principio-guida. Un credo qualsiasi. Un autoadesivo con lo slogan, se preferite, di quelli che si appiccicano sui paraurti. Dalle macchine sulle autostrade la gente si esorta a "Boicottare il Vino", si conforta a vicenda con un "Suona il Clacson se Ami Gesù", scambia scherzi tipo "Sii Gentile con gli Animali – Bacia la Topa". Si identifica, sintetizza, entra in antagonismo con affermazioni di fede: "Anch'io ho un Sogno – Legge e Ordine"; "Gesù Divino Proteggi il Questurino"; "Rod McKuen alla Presidenza".

Citazioni[modifica]

  • La mosca di maggio ha una vita di diciotto ore. Trascorre la totalità del suo tempo a deporre uova per la generazione futura. Le mosche di maggio, spiegava il commento parlato, conoscono la risposta. Perché non debbono mai nemmeno porre la domanda. Beate le mosche di maggio. (p. 13)
  • A volte quando ti concedi delle sensazioni, tutte le sensazioni che hai fanno schifo. (p. 111)

Bibliografia[modifica]

  • Judith Guest, Gente senza storia (Ordinary People, 1976), traduzione di Masolino d'Amico, CDE, Milano, 1977.

Altri progetti[modifica]