Kary Mullis

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Medaglia del Premio Nobel
Premio Nobel
Per la chimica (1993)
Kary Mullis

Kary Banks Mullis (1944 – vivente), biochimico statunitense.

Ballando nudi nel campo della mente[modifica]

  • L'ingegneria genetica non è una novità: il processo evolutivo è, ed è sempre stato, un manipolatore genetico. (p. 10)
  • <Fra dieci anni>, ipotizzai audacemente, <sapranno chi sono, dallo Zambia ad Alice Springs. Tra dieci anni, metterò piede nel laboratorio di biochimica dell'università di Chiesina di Monculi di sotto, e mi chiederanno di dire qualcosa di molto sensato ai laureandi.> (p. 14)
  • Già in passato avevo pensato a cose incredibili che in qualche modo, alla luce del giorno, avevano perso parte del loro splendore. (p. 14)
  • Nel mio computer c'era un'intera directory dedicata alle idee non sperimentate: aprii un nuovo file, e lo chiamai "reazione a catena della polimerasi". (p. 16)
  • [...] credo che nel nostro cervello ci sia un luogo riservato alla "tristezza per le storie d'amore finite", che cresce e si sviluppa con il passare degli anni, costringendoci alla fine a farci piacere, contro la nostra volontà, la musica country. (pp. 19 - 20)
  • Credo di essere stata l'unica persona a chiamare "dolcezza" l'imperatrice del Giappone, che fu tanto gentile da non punirmi per questo. (p. 22)
  • Gli svedesi prendono le cerimonie molto sul serio, e credo che mi abbiano apprezzato perché io, invece, no. (p. 28)
  • I chimici tendono a essere emotivi nei confronti di altri chimici, a causa del linguaggio che condividono e delle bruciature sulle mani. (p. 38)
  • Il laboratorio in cui imparai più cose sulla vita era diretto da Joe Neilands. In particolare, penso che mi abbia insegnato soprattutto tre cose:
  1. Usa un imbuto quando travasi acetone da una bottiglia grande ad una piccola
  2. Bevi tè, invece di caffè
  3. Sii responsabile, sei uno scienziato. (p. 42)
  • Joe era convinto che non avrei avuto molto successo nelle scienze, perché ero eccessivamente attratto da qualunque altra cosa, incluse le donne: mi presentava a chi veniva a visitare il laboratorio come il suo "genio grandangolare". (p. 43)
  • Quando ci entri dentro, la scienza, come tutte le altre cose che la gente fa per vivere, non è molto complicata. Quello che devi fare è risolvere un enigma. E con gli enigmi, quello che devi fare è rifletterci per un po', considerare tutti i fatti che puoi scoprire e poi formulare un'ipotesi. Proporre una soluzione. Il passo successivo è fare quanto possibile per confutarla. Mostrare che i pezzi non si incastrano nel modo in cui avevi proposto: se ci riesci, proponi un'altra soluzione. E poi riprovi. (p. 57)
  • L'aritmetica è quella parte della matematica che serve per far quadrare i conti sul libretto degli assegni. (p. 75)
  • Non perdete di vista il fatto che 65 milioni di anni fa un asteroide espulso dalla sua orbita tra Marte e Giove in seguito all'interazione causale con vari altri asteroidi si trovò in rotta di collisione con la terra che all'epoca nessuno avrebbe potuto anche lontanamente immaginare. In pochi mesi, l'asteroide devastò la terra. Un altro bell'ecosistema quasi completamente buttato nel cesso. Pazienza. C'è sempre qualche fortunata creatura che riesce a sopravvivere. (p. 82)
  • Non siamo più i topi d'albero di 65 milioni di anni fa, e i dinosauri non calpestano più la terra. Ma di fronte agli asteroidi siamo indifesi come lo eravamo allora. E la prossima volta che accadrà, dovremo affrontare problemi che i topi d'albero non avevano. Ci sarà la NASA, che ci mostrerà immagini sempre più dettagliate della catastrofe imminente, e la CNN che si chiederà quali saranno le reazioni della Borsa durante gli ultimi giorni. (p. 83)
  • Ho notato che di solito le esperienze spirituali che ho fatto non hanno cambiato molto la mia vita. Modificano quella che si potrebbe definire la profondità delle esperienze, ma non la direzione (p. 96)
  • Cynthia ed io vivevamo in California: ci eravamo sposati e avevamo avuto due figli. La mia infermiera si era rivelata una moglie comprensiva. Sapeva che era più facile convivere con le mie inquietudini piuttosto che cercare di eliminarle, e avevamo fatto un patto. Per due settimana all'anno, subito prima di Natale e di Pasqua, mi avrebbe lasciato alle mie pazzie, dopo di che avrei raggiunto lei e i ragazzi a casa dei suoi genitori in Kansas. Tutto quello che avrei fatto in sua assenza si sarebbe concluso prima del suo ritorno. Ricordate che eravamo negli anni Settanta. (p. 100)
  • Non ho mai pensato che ci siano domande che non si possono fare. (p. 102)
  • Ai chimici fa piacere che nessuno riesca davvero a capire di cosa stanno parlando. (p. 105)
  • Norman Arnheim, con cui lavoravo alla Cetus, fece un lungo calcolo per scoprire quante moli di DNA ci fossero in una sola cellula di sperma. (p. 106)
  • La semplicità è imbarazzante, quando devi lavorare mesi per ottenerla. (p. 107)
  • Non ha importanza sapere chi fosse Isaac Newton. È stato lui a dimostrare che la forza equivale alla massa per l'accelerazione. Lui era un pazzoide antisociale e criminale che voleva dare fuoco alla casa dei suoi genitori, ma la forza continua a equivalere alla massa per l'accelerazione. (p. 117)
  • Gli scienziati hanno dimostrato di non essere solo un branco di pazzoidi che non avevano niente a che vedere con il mondo. Non erano - e non sono mai stati - dei tizi assolutamente inutili che se ne stanno nei loro laboratori a giocare con i regoli calcolatori. Sono bastati alcuni di loro, con qualche strumento e una valida motivazione, per fare una bomba che avrebbe instillato il timor di Dio nel cuore di Attila. (p. 120)
  • [...] ci rendiamo conto che l'unica cosa assolutamente costante è il mutamento - un mutamento improvviso, catastrofico e tutt'altro che confortevole. Perché uno squilibrio deve essere un problema, se lo stato naturale delle cose è il cambiamento? (p. 124)
  • Una mantide religiosa è un animaletto affascinante, e facile da catturare: è divertente vederla strisciare lentamente su una mosca e divorarla. (p. 128)
  • Per quanto riguarda i ragni eremita, il mio consiglio è: sterminateli a vista. Hanno sei occhi e otto gambe: decisamente troppi. Al diavolo al biodiversità: sarei contento di calpestare personalmente l'ultimo esemplare di Loxosceles. (p. 136)
  • [...] una notte fui rapito da essere misteriosi. Sono relativamente sicuro che non si trattasse di agenti delle tasse. (pp. 137 - 138)
  • Nella vostra vita c'è un decimillesimo giorno: arriva di soppiatto, più o meno tre mesi dopo il vostro ventisettesimo compleanno, e nessuno vi manda gli auguri. (p. 146)
  • Quando succede qualcosa di insolito, uno scienziato degno dei suoi occhiali cerchiati d'osso e dei suoi vestiti da poco si dà da fare. (p. 153)
  • Io sono nato alle 17,58, ora di Greenwich, del 28 dicembre 1944 a Lenoir, Carolina del Nord. E questo vi fornisce più informazioni su di me di quelle che potete trovare in questo libro. (p. 161)
  • Nell'evoluzione c'è una regola molto importante: "Non vi preoccupate dei dettagli che non sono fondamentali per la sopravvivenza". (p. 165)
  • I fatti accertati logicamente vi aiutano a dormire meglio, il che è essenziale, anche quando ci sono creature ululanti nel buio e nutrizionisti che scrivono libri. (p. 167)
  • L'oppio fu messo fuorilegge in California perché i portuali cinesi portavano via il lavoro ai portuali irlandesi, che preferivano sbronzarsi piuttosto che stordirsi. La polizia fece irruzione nei locali dove si consumava oppio, e i cinesi vennero arrestati. Così, molto opportunamente, non si presentarono al lavoro la mattina dopo. (p. 176)
  • Non sappiamo da dove veniamo e purtroppo manchiamo decisamente di fantasia. (p. 205)
  • L'universo è indubbiamente universale, ma provate a parlarne durante una festa a una ragazza di ventidue anni che non ha mai considerato che i tassi di decadimento dei mesoni k neutri fossero una cosa particolarmente emozionante. Poi parlate alla stessa donna del perché gli etilamino derivati del safrolo, come l'MDA (metilenediossamfetamina) ti facciano venire voglia di toglierti i vestiti e di sentirti caldo e coccoloso per circa otto ore. (p. 208)
  • Il comportamento più adeguato per un essere umano è quello di sentirsi fortunato di essere vivo, umile di fronte all'immensità de tutto. Magari facendosi una birra. (p. 220)

Bibliografia[modifica]

  • Kary Mullis, Ballando nudi nel campo della mente, traduzione di Paola Emilia Cicerone, Baldini Castoldi Dalai Editore, 1998.

Altri progetti[modifica]