Isaac Newton

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Isaac Newton in un dipinto di Gottfried Kneller

Isaac Newton (1643 – 1727), scienziato, fisico, matematico, alchimista, e filosofo britannico.

Citazioni di Isaac Newton[modifica]

  • Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo è un oceano.[1]
  • In verità non sono riuscito a scoprire la causa della gravità dai fenomeni, e non avanzo ipotesi.
Rationem vero harum Gravitatis proprietatum ex Phænomenis nondum potui deducere, & Hypotheses non fingo. (da Isaaco Newtono, Philosophiæ Naturalis Principia Mathematica, liber tertius: Scholium generale, Cantabrigiæ, 1713, p. 484)
  • La cieca necessità metafisica, certamente la stessa sempre e dovunque, non potrebbe produrre la varietà delle cose. Tutta quella diversità delle cose nella natura, che troviamo adatte a tempi e luoghi differenti non può derivare da altro che dalle idee e dalla volontà di un Essere che esiste necessariamente. (da Philosophiae naturalis principia matematica)
  • La verità si ritrova sempre nella semplicità, e non nella complessità e confusione delle cose.
Truth is ever to be found in simplicity, and not in the multiplicity and confusion of things. (da Rules for methodizing the Apocalyps; citato in Mathematics And The Divine: A Historical Study, T. Koetsier, L. Bergmans editors, p. 474)
  • Non credo che ciò [l'universo] si possa spiegare solo con cause naturali, e sono costretto a imputarlo alla saggezza e all'ingegnosità di un essere intelligente. (lettera a Richard Bentley, 10 dicembre 1692)  Fonte ulteriore? Fonte ulteriore?
  • Non so come io appaia al mondo, ma per quel che mi riguarda mi sembra di essere stato solo come un fanciullo sulla spiaggia che si diverte nel trovare qua e là una pietra più liscia delle altre o una conchiglia più graziosa, mentre il grande oceano della verità giace del tutto inesplorato davanti a me. (da Philosophiae naturalis principia matematica)
  • Se ho visto più lontano, è perché stavo sulle spalle di giganti. (da una lettera a Robert Hooke)  Fonte ulteriore? Fonte ulteriore?
Citazione di Bernardo di Chartres.
  • [A proposito del gioco in borsa] So calcolare i movimenti dei corpi celesti, non la pazzia della gente. (citato in Sergio Ricossa, Straborghese, Editoriale Nuova, Milano, 1980)

Citazioni su Isaac Newton[modifica]

  • Colui che, quasi divino per il vigore della mente, per primo dimostrò i moti e i disegni dei pianeti, i percorsi delle comete, e le maree degli oceani. (Epitaffio funebre)  Citazione da controllare da controllare
  • Considerando la matematica dal principio ai tempi di Newton, ciò che costui ha fatto è ben più che la migliore metà. (Gottfried Wilhelm von Leibniz)
  • Il binomio di Newton è bello come la Venere di Milo. Il fatto è che pochi se ne accorgono. (Fernando Pessoa)
  • L'aver avuto la concezione netta della legge differenziale è uno dei più grandi meriti del genio di Newton. (Albert Einstein)
  • La natura e le leggi della natura stanno nascoste nella notte; Dio disse Newton sia! E fu la luce. (Alexander Pope)
  • Io credo che tutti gli scienziati autentici abbiano considerato se stessi come Newton: sapevano che non sappiamo nulla, ma anche che nel campo già coltivato della scienza tutto è incerto. (Karl Popper)
  • Osserviamo nondimeno che l'idea di spazio assoluto, che implica quella di riposo assoluto, era per Newton fonte di inquietudine. (Albert Einstein)
  • Si rallegrino i mortali perché è esistito un tale e così grande onore del genere umano.
Sibi gratulentur mortales tale tantumque exstitisse humani generis decus". (Epitaffio funebre)  Citazione da controllare da controllare

Note[modifica]

  1. Citato in Daniele Cipollini, Dopo il bosone di Higgs, quali grandi domande ci restano?, Daily.wired.it, 6 luglio 2012.

Altri progetti[modifica]