Lebbra

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Malato di lebbra

Citazioni sulla lebbra.

  • Il lebbroso colpito dalla lebbra porterà vesti strappate e il capo scoperto, si coprirà la barba e andrà gridando: Immondo! Immondo! (Levitico)
  • [In Giappone] La legge che segregava i lebbrosi è stata abolita nel 1996. Ma fino ad allora ai malati veniva imposta una quarantena forzata. Mani e piedi si riducevano in moncherini o si torcevano. I nasi si consumavano e i visi si deformavano. Lesioni orribili che provocavano spavento.
    [legge su un libro la citazione di un lebbroso giapponese] «Anche noi come voi, vogliamo vivere alla luce del sole.» (Le ricette della signora Toku)
  • La sottospecie umana condannata senza appello e senza amnistia: i lebbrosi. (Raoul Follereau)
  • Lebbra, paura della "morte civile". La diagnosi di lebbra comportava l'emarginazione dal mondo dei sani, una irreversibile segregazione. Il lebbroso anticipava in vita la decomposizione propria della morte; però non induceva paura di morte, ma ribrezzo. Il corpo corrotto del lebbroso induceva ribrezzo verso chi, seminando il contagio, era detto meritare, come talora accadeva, di essere arso vivo quasi si trattasse di incenerire un cadavere. (Giorgio Cosmacini)
  • Quadro clinico biblico, che portava all'isolamento e alla discriminazione: i lebbrosi erano persone respinte dalla comunità, espulse. (Ruediger Dahlke)
  • Se potessi incontrare un lebbroso, dargli il mio corpo e prendere il suo, lo farei volentieri: questo è l'amore perfetto. (Agatone d'Egitto)

Altri progetti[modifica]