Leopold Berchtold

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Leopold Berchtold

Leopold Berchtold (1863 – 1942), politico austriaco.

Citazioni su Leopold Berchtold[modifica]

  • L'uomo nuovo della Ballhausplatz[1] si chiamava conte Leopold Berchtold von und zu Ungarschütz, ed era stato proposto dall'erede al trono[2], che lo riteneva maneggevole, e accettato dall'Imperatore, che in lui poteva vedere un secondo Tisza[3]: un esponente di quella feudalità che in Ungheria aveva dato prova ancora una volta di essere il sostegno della monarchia e che forse avrebbe potuto dimostrarsi tale anche in politica estera. Il nuovo ministro degli Esteri sembrava facile da manovrare, poiché non era orgoglioso ed energico come Tisza; era senza dubbio presuntuoso, ma in un modo tanto ovvio che non sembrava accorgersi affatto quando gli alti se lo mettevano in tasca. Forse era troppo pigro e indolente per contrastare la volontà degli altri. Quanto a questo, era un genuino esponente della grande nobiltà degenerata nell'indifferenza, non proprio quello che ci voleva per rappresentare la politica estera di una grande potenza e di cui la monarchia aveva bisogno in quei difficili momenti. (Franz Herre)

Note[modifica]

  1. Sede del Ministero degli esteri dell'Impero austro-ungarico.
  2. Francesco Ferdinando d'Asburgo-Este (1863–1914), arciduca ed erede di Francesco Giuseppe al trono austro-ungarico.
  3. István Tisza (1861–1918), politico ungherese.

Altri progetti[modifica]