Luca Toni

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Luca Toni nel 2005.

Luca Toni (1977 – vivente), calciatore italiano.

Citazioni di Luca Toni[modifica]

  • Non mi abituerò mai a un mestiere in cui sei brocco se prendi il palo e fenomeno se la mandi in rete da un metro.[1]
  • [Riferendosi al suo periodo al Brescia] Quando Roby si allenava, dava sempre tutto. Sembrava sempre un ragazzino, ed io lo invidiavo. In quel periodo faceva da chioccia a molti di noi. Diceva sempre, per ogni problema o consiglio, io sono qui... All'epoca ero giovane, ed a volte capitava che mi alzavo dal letto con zero voglia di allenarmi. Capitò un periodo in cui fallivo molte occasioni da goal. La porta non la vedevo proprio. Un giorno Roby, in allenamento, mi vide giù di morale, si avvicinò a me e disse: Luca, nel calcio capitano quei momenti, non ti abbattere, se posso darti un consiglio, quando sei davanti alla porta, prima di tirare, con l'occhio guarda per un secondo il portiere. Sembra una stronzata, ma in quel momento capisci che intenzioni ha. Ricordati che la porta è di sette metri, ed il portiere occupa solo un settimo dello specchio... A fine allenamento, rimaniamo a fare un po' di uno contro uno con il portiere. Parto prima io e poi tu. Guardami però, così vedi un po' quello che faccio io… Non sto qui a raccontarvi che lui fece sempre goal. Da lì però imparai ad essere più calmo, e da quel giorno anche grazie a Roberto, non mi sono più fermato.[2]
  • Un giocatore del Milan deve sapere che gioca nel Milan, non c'è bisogno di dirgli di tirare fuori le motivazioni. Ma se ad alcuni giocatori glielo devi dire, non dovrebbero giocare nel Milan.[3]
Dall'intervista di Stefano Pasquino, Juventus, esclusivo: «Mandzukic? Sembra Toni...», Tuttosport.com, 2 gennaio 2016
  • È un bell'attaccante: già ai tempi del Bayern mi piaceva molto perché, oltre a far gol, aiutava la squadra. Non sarà bellissimo da vedere ma poi, alla fine, tra gol, assist e il mazzo che si fa per i compagni, lui lavora più di tutti [...]. Mandžukić, come il sottoscritto, è un centravanti d'area, uno che si sente e che, quando la squadra va in difficoltà, sa pure come aiutarla.
  • [Su Karl-Heinz Rummenigge] Lui è il top perché, essendo stato un calciatore, sa cosa vuole un giocatore e sa farsi ascoltare: chi arriva al Bayern ha soltanto da imparare da lui.
  • [«Ha mai pensato di poter allenare?»] No, troppo stressante: tra i miei ex compagni vedo troppa gente esaurita.

Note[modifica]

  1. Citato in Atlante de la Repubblica, 2006, p. 53.
  2. Da un'intervista rilasciata al Corriere dello Sport, citato in Luca Toni racconta Roberto Baggio, HellasLive.it, 25 gennaio 2016.
  3. Dal programma televisivo Tiki Taka, Italia Uno; citato in Verona, Toni incorona Higuain: "È più forte di Suarez", Goal.com, 18 maggio 2016.

Altri progetti[modifica]