Ludwig Tieck

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Ludwig Tieck

Johann Ludwig Tieck (1773 – 1853), poeta, scrittore, critico letterario, editore e traduttore tedesco. Scrisse anche con gli pseudonimi Peter Lebrecht (o Leberecht) e Gottlieb Färber.

  • Non è solo chi ancora sente dolore.[1]

Incipit di Il biondo Erberto[modifica]

In una regione dell'Hartz abitava un cavaliere chiamato comunemente il biondo Erberto. Poteva avere circa quarant'anni, era appena appena di media statura, e la chioma corta, biondissima, ricadeva liscia e folta sul suo volto scolorito e scarno.[2]

Citazioni su Ludwig Tieck[modifica]

Note[modifica]

  1. Da Einsamkeit, I; citato in Fernando Palazzi, Silvio Spaventa Filippi, Il libro dei mille savi, Hoepli, Milano, 2022, n. 8227. ISBN 978-88-203-3911-1
  2. Citato in Giacomo Papi, Federica Presutto, Riccardo Renzi, Antonio Stella, Incipit, Skira, 2018. ISBN 9788857238937

Altri progetti[modifica]