Luigi Serenthà

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Luigi Serenthà (1938 – 1986), presbitero e teologo italiano.

Passi verso la fede[modifica]

  • La fede cristiana consiste essenzialmente in un incontro personale con Gesù, un incontro che si affianca ai tanti altri incontri di cui è intessuta la nostra storia, ma svetta sopra tutti gli altri, perché è l'evento della nostra salvezza [...]. (p. 7)
  • Dobbiamo chiedere ai contemplativi di ogni tempo e di ogni cultura di educarci a rispettare umilmente il velo d'ombra che circonda la realtà e ad avventurarci coraggiosamente nella caligine incandescente del mistero. (pp. 41-42)
  • Dobbiamo chiedere [...] a Michelangelo di coinvolgerci nel movimento inarrestabile del corpo del Cristo morto dentro il corpo della Madre, così come egli li ha genialmente fusi nel sublime non finito della Pietà Rondanini. (p. 42)
  • L'uomo parla di sé e si scopre aperto, inconcluso, sporgente sul mistero. Davanti al mistero l'uomo tace [...]. Ma proprio questo silenzio fa rifiorire ancora la parola: l'uomo si scopre come parola detta dal mistero, come simbolo, che è diverso dal trascendente, ma insieme reca in sé la sua presenza continuamente sfuggente e continuamente donantesi. (p. 50)
  • L'evento di Gesù è appunto l'evento nel quale Dio esce dall'ombra indistinta del mistero e dà legge, forma, misura, condizione a quella manifestazione di se stesso con cui fonda la storia. (p. 74)

Bibliografia[modifica]

  • Luigi Serenthà, Passi verso la fede: una nuova esposizione delle ragioni della fede, Editrice Elle Di Ci, Leumann (Torino), 1995 (1984). ISBN 88-01-14801-1

Altri progetti[modifica]