Madama Butterfly

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Il soprano Geraldine Farrar fu Cio-Cio-San nel 1907 al Metropolitan di New York.

Madama Butterfly, opera lirica in tre atti di Giacomo Puccini, su libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa. Prima rappresentazione in due soli atti: Teatro alla Scala di Milano, 17 febbraio 1904. Dopo il fiasco di Milano, fu ripresentata con pieno successo a Brescia il 28 maggio 1904 suddividendo il secondo atto in due parti, ciascuna delle quali in seguito diventerà un atto indipendente. Altre modifiche furono effettuate negli anni successivi.

Incipit[modifica]

Collina presso Nagasaki.
(Goro fa visitare la casa a Pinkerton, che passa di sorpresa in sorpresa)
Pinkerton: E soffitto... e pareti...
Goro: Vanno e vengono a prova,
a norma che vi giova
nello stesso locale
alternar nuovi aspetti ai consueti.
Pinkerton: (cercando intorno)
Il nido nunziale
dov'è?
Goro: (accennando a due locali)
Qui, o là!... secondo...
Pinkerton: Anch'esso a doppio fondo!
La sala?
Goro: (mostra la terrazza)
Ecco!
Pinkerton: (stupito)
All'aperto?...
Goro: (mostrando il chiudersi di una parete)
Un fianco scorre...
Pinkerton: Capisco! Un altro...
Goro: Scivola!
Pinkerton: E la dimora frivola...
Goro: (protestando)
Salda come una torre,
da terra infino al tetto...
Pinkerton: È una casa a soffietto.

[Giuseppe Giacosa - Luigi Illica, Madama Butterfly, (Tragedia Giapponese da John L.Long e David Belasco), musica di Giacomo Puccini, G. Ricordi & C., Milano 1944.]

Altri progetti[modifica]