Manuel Agnelli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Manuel Agnelli

Manuel Agnelli (1966 – vivente), cantante e scrittore italiano.

Citazioni di Manuel Agnelli[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Milano è "bilanciocentrica", la cultura e l'attenzione per il sociale non esistono. Ma confidiamo nei suoi eroi e nei loro maglioncini magici per risolvere la situazione: un esercito di Ferocissimi Bloggettari Anonimi contro il sistema, ma solo dopo l'aperitivo...[1]
  • [...] abbiamo avuto l'illuminismo anche se non c'era Facebook o che tutto il blocco sovietico è caduto senza bisogno di internet. La cosa che mi fa paura è che alcune cose siano diventate indispensabili. Tempo fa ho deciso di non accedere ai social per un paio di mesi e ti assicuro che si vive benissimo. Il progresso morale negli ultimi anni è una merda rispetto a quello tecnologico, siamo degli uomini preistorici che usano delle cose pazzesche. E non sono l'unico a dirlo, c'è un nutrito gruppo di intellettuali ben più importanti di me – tra cui anche David Foster Wallace o Jonathan Franzen – che la pensano così.[2]
  • Quando ho scritto il comunicato stampa per il disco alla fine ci ho messo "Voglio essere felice". La verità è che non ce lo diciamo mai perché sembra talmente banale e hai paura che la gente ti rida in faccia, ma ti assicuro che quando ti trovi davanti alla fine e ti chiedi cosa vuoi che succeda in quel momento, quella è la risposta.[2]

Note[modifica]

  1. Dall'intervista di Federico Fiume, E qui Manuel Agnelli spiega le sue canzoni, XL, la Repubblica, maggio 2008.
  2. a b Dall'intervista di Sandro Gioiello, "Un inno alla gioia", RockIt.it, 10 giugno 2016.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]