Marcello Fagiolo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Marcello Fagiolo (1941 – vivente), storico dell'arte e dell'architettura italiano.

Citazioni di Marcello Fagiolo[modifica]

  • Bomarzo è a suo modo una contestazione dei mondi tradizionali e un antimondo che affonda le radici nell'aldilà. Aldilà della storia classica con le riprese e le contaminazioni del mondo misterioso degli etruschi. Aldilà dello spazio occidentale con l'ansia di entrare in sintonia con mondi esotici. Aldilà dello spazio prospettico con la ricerca di spazi a sorpresa e a sensazione. Aldilà dell'umano con l'esaltazione della pazzia di Orlando e del mostruoso (nel 1576 Vicino rimpiange di non potere "goder la follia del mio boschetto"). Aldilà della vita con la proposizione di una discesa all'Ade. Aldilà della natura e della materia con lo scavo e la trasfigurazione dei massi erratici e delle balze rocciose. Aldilà dei suoi stessi risultati: in un anelito di trasmutazione continua, come in un laboratorio alchemico Vicino cambia i connotati alle sue creature di pietra, gli fa "venire il cancaro" [cancro] (come afferma in una lettera del 1578) e decide perfino di colorarle vivacemente (1574), forse a somiglianza delle pitture etrusche.[1]

Note[modifica]

  1. Da Le due anime nelle ville della Tuscia, in Il giardino d’Europa. Pratolino come modello nella cultura europea, a cura di Alessandro Vezzosi, Mazzotta, Firenze, 1986, p. 70. [1]. [2].

Altri progetti[modifica]