Marguerite Duras

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Marguerite Duras, 1993

Marguerite Duras, pseudonimo di Marguerite Germaine Marie Donnadieu (1914 – 1996), scrittrice e regista francese.

Citazioni di Marguerite Duras[modifica]

  • Ciò che l'omosessualità ama come suo amante, sua patria, sua creazione, sua terra, non è il suo amante, è l'omosessualità. (Citato in Focus N.103 p. 208)
  • Il calciatore sta sul campo da gioco completamente esposto. È allo scoperto. Se è un fesso, si vede subito, se è un mascalzone, anche. (citato in Marco Pastonesi e Giorgio Terruzzi, Palla lunga e pedalare, Dalai Editore, 1992, p. 26)
  • Il difficile non è raggiungere qualcosa, è liberarsi dalla condizione in cui si è. (da L'amante)
  • [Brigitte Bardot] L'impossibile sogno dell'uomo sposato. (citato in Bruno Amatucci, Il cinema – Il sogno continua, Agiscuola, 1989)

Scrivere[modifica]

  • C'è una pazzia dello scrivere che si ha dentro, una pazzia, furiosa ma non è per questo che si è pazzi. Anzi.
  • La scrittura è l'ignoto. Prima di scrivere non si sa niente di ciò che si sta per scrivere e in piena lucidità.
  • La solitudine è una cosa senza la quale non si fa niente, senza la quale non si guarda più niente.
  • La solitudine significa anche: o la morte o il libro. Ma innanzi tutto significa alcol.
  • Scrivevo tutte le mattine, ma senza un orario, mai, se non per cucinare. Sapevo quando dovevo intervenire perché il cibo bollisse o perché non si bruciasse. E anche per i libri lo sapevo. Lo giuro. Tutto, lo giuro, non ho mai mentito in un libro. E neppure nella vita. Eccetto agli uomini. Mai.

Bibliografia[modifica]

  • Marguerite Duras, L'amante, traduzione di Leonella Prato Caruso, Feltrinelli, 2005.
  • Marguerite Duras, Scrivere, traduzione di Leonella Prato Caruso, Feltrinelli.

Altri progetti[modifica]