Maria Melato

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Maria Melato fotografata da Mario Nunes Vais

Maria Melato (1885 – 1950), attrice italiana.

Citazioni di Maria Melato[modifica]

  • [Scrivendo a un amico he le proponeva una commedia] Io ho intenzione di fare un repertorio tutto basato su di me che sono l'elemento più commerciabile, dal quale si può ricavare più interesse. Ricuso per questo di interpretare commedie dove io non sia la protagonista.[1]

Citazioni su Maria Melato[modifica]

  • Abbiamo letto su un giornaletto teatrale un lamento sulla sorte della «povera» Maria Melato, che ci è parso il miglior elogio per lei. Maria Melato è sacrificata! Le hanno dato parti di secondaria importanza! La sciupano per rappresentar persone in cui la sua giovinezza sparisce, la sua voce non può cantare, la sua foga non può prorompere nella grande scena di rito, che avvince e attorce il pubblico! Abbiamo subito pensato: – Bravo Talli[2]; brava Maria Melato. – Perché quel che più di tutto apprezziamo in questa nostra attrice, più delle sue ricche tonalità più del suo stile doloroso, più della sua grazia pensosa, più della fissità de' suoi sguardi assorti, più della intensità delle sue attese, è la sua sete evidente di essere «una interprete». Che Dio la benedica per questa sete; e le dia quegli aiuti che ella cerca ed accetta sempre, con una umiltà pari al suo grande amore. (Silvio D'Amico)
  • Ho qualcosa da dire a Maria Melato, ch'è una delle poche e belle forze della misera scena italiana attuale: ho da dirglielo da qualche tempo, e colgo quest'occasione che mi pare propizia. – Ecco: io credo che Maria Melato debba sorvegliarsi per riuscire a moderarsi. A moderarsi in più cose: nelle movenze e negli atteggiamenti, nell'accentuazione ch'ella dà ad ogni battuta, nel calore e nel colore di cui riveste ogni parola ch'ella pronunzia. Quelle che sino a or fa qualche tempo potevano apparire le caratteristiche dell'arte sua vanno diventando dei difetti. (Marco Praga)

Note[modifica]

  1. Citata in Marco Praga, Cronache teatrali 1921, Fratelli Treves Editori, Milano, 1922, p. 31.
  2. Virgilio Talli (1858 – 1928), attore e regista teatrale italiano.

Altri progetti[modifica]