Mario Tchou

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Mario Tchou (1924 – 1961), ingegnere informatico italiano di origine cinese.

Citazioni su Mario Tchou[modifica]

  • Intanto Mario, negli Usa, conosce Adriano Olivetti, uno dei più illuminati e aperti imprenditori dell'epoca. A segnalarlo all'industriale di Ivrea è Enrico Fermi, non un passante. [...] Contemporaneamente, sempre su istigazione del genio di Fermi, l'università di Pisa decide di allocare un consistente investimento, 120 milioni di lire, per la costruzine di una nuova calcolatrice elettronica, la Cep. Olivetti si associa all'impresa e così nasce a Barbaricina, pochi chilometri da Pisa, il Laboratorio di Ricerche Elettroniche che viene affidato alla direzione di Mario Tchou. Nel 1957, a solo un anno dall'insediamento del laboratorio, nasce Elea 9001, un acronimo che richiama quello di Hal 9000, il computer onnipotente e perfido di 2001: Odissea nello spazio, un film girato undici anni dopo. [...] Tchou intuisce che, attraverso l'utilizzazione dei transistor, si possono costruire macchine meno «pesanti». E poi lavora all'ampliamento della memoria del computer. Nasce così, in pochi mesi, Elea 9002 che pur essendo la prima macchina commercializzata, mostra insufficienti capacità di programmazione. (Walter Veltroni)
  • Passa solo un anno e nasce l'Elea 9003, il primo computer completamente a transistor. Per disegnarlo viene incaricato Ettore Sottsass. [...] È sulle scale di quel palazzo che Mario, sconvolto, avverte l'architetto della morte improvvisa, a febbraio del 1960, di Adriano Olivetti. Una fine che peserà sul destino dell'azienda, dell'industria italiana e del paese. Solo qualche mese prima Olivetti e Tochou avevano presentato al presidente Gronchi la magnifica Elea 9003 – tanto bella da far vincere a Sottsass il premio «Compasso d'oro» per il design – che viene venduta già in 40 esemplari a industrie varie. (Walter Veltroni)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]