Medium (serie televisiva)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Medium

Serie TV

Immagine Medium Logo.svg.
Titolo originale

Medium

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno

2005-2011

Genere soprannaturale, police procedural, drammatico
Stagioni 7
Episodi 130
Ideatore Glenn Gordon Caron
Rete televisiva NBC, CBS
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Medium, serie televisiva statunitense, trasmessa dal 2005 al 2011.

Stagione 1[modifica]

Episodio 1[modifica]

  • [parlando con suo marito Joe al telefono dopo essere partita senza preavviso]
    Allison: Mi ha cercato qualcuno?.
    Joe: L'ufficio del procuratore... e tuo marito per sapere che fine ha fatto sua moglie.
  • [parlando col Texas ranger che ha scoperto da poco che lei è una medium]
    Texas ranger: Ha raccontato tutto al suo vicino di cella?
    Allison: Si.
    Texas ranger: E lei come ha fatto a....?! Lasci stare non lo voglio sapere.
  • Allison: Non posso essere un buon avvocato.
    Devalos: E cosa ti ha fatto cambiare idea?
    Allison:...le basti sapere che sono un po' psicotica e un po' schizzata.
    Devalos: Ahhh

Episodio 8[modifica]

  • [parlando con suo marito Joe del fratello]
    Allison: Sembra che stia bene...
    Joe: Per essere un alcolista si.

Episodio 12[modifica]

  • [dopo che Allison sognando parlava nel sonno]
    Joe: Sono dodici minuti che farfugli parole in spagnolo... ma se lo spagnolo non lo conosci, come funziona? Sogni con i sottotitoli?
  • Allison: Stanotte ho fatto il più allucinante dei sogni.
    Devalos: [ironico] Tuuu? E come è possibile?

Stagione 2[modifica]

Episodio 2, La musica non cambia mai[modifica]

  • Non posso vincere. Due sensitive contro un ingegnere. Non c'è storia! Si va in macchina. (Joe) [dopo che sia la moglie che la figlia avevano sognato la sua morte in aereo]

Episodio 3, Quarantasei anni prima[modifica]

  • Sembra che hai visto un fantasma. No, mi correggo, sembri una persona normale che ha appena visto un fantasma. (Joe) [rivolgendosi alla moglie stralunata]

Episodio 8, Corsa alle elezioni[modifica]

  • [Stesi a letto prima di di dormire]
    Allison: ...e comunque io sbaglio qualche volta.
    Joe: Ok, stop! Chi sei tu? Cosa hai fatto a mia moglie?
  • [puntando la pistola contro l'omicida armato di coltello]
    Lee: Ha mai giocato a morra cinese sigor Croshow? Questa è la stessa cosa solo che si gioca con coltello e pistola. Ho vinto io.

Episodio 16, Il quarto libro di Beverly Rhodes [modifica]

  • [Stesi a letto prima di di dormire parlano della figlia più piccola, di 7 anni]
    Joe: ...non trovi inquietante che una morta possa aver dettato un racconto a nostra figlia dall'aldilà?
    Allison: Hmmm [negando con una smorfia]
    Joe: Ma perché ti faccio queste domande?
    Allison: Ma che vuoi dire?
    Joe: ...certe volte vorrei che le bambine avessero ereditato la tua allergia ai pollini piuttosto.

Episodio 17, Un amore sfortunato[modifica]

  • Joe: ...credo che ti stia preoccupando inutilmente.
    Allison: Come fai a dirlo?
    Joe: Prima elaboro il pensiero poi esprimo a parole

Episodio 21, L'angelo della morte[modifica]

  • [Allison mostra al procuratore Devalos la foto del colpevole]
    Allison: è lui!!
    Devalos: E l'imputazione?
    Allison: Ha detto che giocavano a squash! [con il complice]
    Devalos: Giocare a squash e ammetterlo sono due reati che in Arizona hanno depenalizzato da tempo.

Stagione 6[modifica]

Episodio 16, Psiche[modifica]

  • Allison: C'era una volta una bella fanciulla. Aveva soltanto 13 anni, e i suoi genitori avevano tutto. Perciò anche la bella fanciulla aveva praticamente tutto. Ma per questa fanciulla, praticamente tutto non era abbastanza. Lei voleva tutto. Ma non voleva aspettare per ereditarlo, e no voleva neanche guadagnarlo facendo sforzi. Le serviva una scorciatoia. Così escogitò un piano con il fratello maggiore. Decisero che lei si sarebbe finta pazza da legare. E fu cosi brava a fingere, che il mondo intero le credette. Al punto che quando fu il fratello a uccidere i loro genitori, nessuno ebbe il minimo dubbio che fosse stata la fanciulla malata di mente, che i suoi demoni avessero preso il sopravvento, e che dovesse essere allontanata, e internata in un ospedale psichiatrico dove l'avrebbero guarita.
    Summer: Trovo questa storia stupida e del tutto insensata. Perché una persona vorrebbe trovarsi qui, rinchiusa in un posto del genere?
    Allison: Perché, se come te una volta che si sente meglio, riesce a riprendere in mano la propria vita… E può tornare a casa! E a te mancava pochissimo. Tutto procedeva secondo il piano della bella fanciulla, ma poi lei fece un solo piccolo errore. Parlò con la sua amica. Le raccontò tutto. La bella fanciulla pensava di essere al sicuro, perché la sua amica, lei… non parlava, non poteva parlare. Le amiche catatoniche sono fantastiche. Quando Killin cominciò a risvegliarsi, quando tu ti accorgesti che ripeteva tutto quello che le dicevi, devi esserti spaventata! Fortunatamente il dottore non andò dritto alla polizia, ma utilizzò tutto quello che sapeva per arricchirsi. Naturalmente sottovalutò la tua astuzia e la tua fortuna! Fortuna perché Killin è fuggita, e astuzia perché una volta sparita lei hai suggerito a tuo fratello di uccidere il dottor Woodel, facendo ricadere la colpa su di lei. E in un batter d'occhio tutti i problemi si sono risolti.
    Summer: Io sono confusa. Ha detto che si trattava di una favola, ma continua a utilizzare i nomi di persone vere. Lo fa per renderla ancora più… interessante?
    Allison: Si. Per renderla interessante e spassosa. E ora entro in scena anch'io. Ricordi quando sono venuta facendo domande riguardo al fatto che tuo fratello potesse essere il vero assassino? Quando hai deciso che dovevi eliminarlo, che tu stessa dovevi uccidere, andare..fino in fondo?
    Summer: La storia è finita?
    Allison: Non lo so. Secondo te come finirà?
    Summer: La fanciulla riuscirà a farla franca.
    Allison: Già. Si, forse hai ragione. Però c'è una parte della favola che ancora non mi quadra: che cosa è successo veramente a Killin, insomma, come ha fatto a evadere, e come ha fatto tuo fratello a trovarla? Io credo che lei non sia mai fuggita, e sia rimasta qui tutto il tempo, e tu l'abbia uccisa.è andata così, vero? Killin è ancora qui, è ancora qui da qualche parte, e secondo me si trova in quel giardino che ti piace tanto. È un buon posto per seppellire un cadavere, vero? Ed ecco la parte spassosa della storia: presto scopriremo se ho ragione, perché ho portato dei poliziotti con me, e loro hanno portato dei cani. Quei cani che fiutano droghe, e cadaveri. Ah, senti, hanno già trovato qualcosa!
    Summer: Brutta bastarda!
    Allison: Eccola qui, ecco l'autentica Summer Lori. Brava, ben tornata. Vedi quest'ospedale? No è tanto male tutto sommato. Ma non credo che trascorrerai ancora molto tempo. Secondo me tu finirai presto in prigione. E questa, questa è la fine della storia. Scommetto che ti ha colto di sorpresa!

Citazioni su Medium[modifica]

  • Un raro esempio di show poliziesco dai risvolti sovrannaturali che, portando sullo schermo un personaggio realmente esistito, ha saputo conquistare una folta parte di audience americana che, normalmente, non si avvicina al poliziesco. Ottimo equilibrio tra le premonizioni, le indagini e la vita famigliare. (Il Morandini)

Altri progetti[modifica]