Michele Bravi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Michele Bravi

Michele Bravi (1994 – vivente), cantante italiano.

Citazioni di Michele Bravi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • È successo che mi sono innamorato. Una storia molto particolare con un ragazzo che fa il regista, molto diverso da me. È durata due anni ma, in termini di quello che succedeva tra noi, forse qualche giorno. All'inizio quando due persone si incontrano sono due contenuti completi, il resto rimane fuori; poi allarghi la visuale e vedi che ci sono dei confini da rispettare. Io sicuramente nell'ultimo anno sono stato molto autoriferito e concentrato sulla musica e questo ha creato problemi.[1]
  • Il primo amore è perfetto, tutto è bellissimo, solo che ti mancano le regole del gioco e quando le impari, spesso è troppo tardi: le pagine degli errori restano lì, non puoi strapparle dal diario, e quando gli errori diventano tanti è difficile che possa esserci un epilogo felice. Se mi guardo indietro oggi mi dico: "Siamo stati proprio stronzi".[1]
  • Se le persone si confrontano più su un piano emotivo i rapporti diventano complessi e anche fluidi: la sessualità smette di essere una scelta nel momento in cui la scelta diventa l'emozione. Io ho incontrato una persona che mi ha emozionato, che fosse un ragazzo è del tutto irrilevante: in futuro potrebbe succedermi anche con una ragazza.[1]
  • Tiziano [Ferro] per me è stato un battesimo, il primo a darmi fiducia, è stato il mio padre artistico. Lui non aveva bisogno di me ed è stato un grandissimo regalo artistico ed e umano quello che mi ha fatto. Ha una professionalità incredibile.[2]
  • “Qualche giorno fa c’era la giornata mondiale contro l’omofobia. Io sarò sincero, mi rattrista che ci sia bisogno di una giornata contro l’omofobia. Ti immagini di fare delle giornate inutili? Tipo, non so, la giornata per quelli che bevono l’acqua, la giornata di chi ha bisogno di respirare. Allora io mi sono detto, cavolo, ma serve una festa per celebrare l’amore?! L’omofobia non è un insulto alla sessualità, ma è una bestemmia alla parola ‘amare’. Imparando ad abbracciare l’amore si può conoscere davvero la vita e imparare che cos’è la felicità.”[3]

Note[modifica]

Altri progetti[modifica]