Nazareno Fabbretti

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Nazareno Fabbretti

Nazareno Fabbretti (1920 – 1997), giornalista e sacerdote francescano italiano.

Caro uomo[modifica]

  • Non chiedere mai l'amore per forza, non maledire e non tradire se quell'amore non l'hai o lo ricevi in modo diverso da quello che speravi. Non ti offendere se ti dico che, essendo amici, dobbiamo essere pari in tutto, in libertà e dignità. Anche se questo comporterà dei rischi, per te di perdere me, per me di perdere te. Ma perderci, una volta affidatici, sarebbe praticamente impossibile.
  • Se saremo liberi davvero, non ci perderemo mai. Sto bene in casa tua così com'è, e con voi, così come siete. Della libertà però quanti gatti nel mondo debbono pagare ogni giorno un prezzo inaudito, doloroso, umiliante? Debbono sopportare il disaffetto, le botte, il digiuno, l'abbandono, la cacciata. E spesso solo per non aver imparato ad "essere domestici" come un'ossessiva e isterica padrona vorrebbe, come dei ragazzi crudeli pretenderebbero.
  • Tu col cane parli sempre d'amore. Di me dici al massimo che ti sono affezionato. E invece, se i tuoi termini hanno anche per noi animali il valore che credi, anch'io ti amo.
  • Amo le povere donne sole e frustrate che mantengono, a rischio di morir loro di fame, torme di gatti randagi nelle grandi città [...].
  • So fare compagnia, senza strafare. Sono lì, respiro, faccio le fusa, vi sento vivere, vivo meglio perché ci siete. E quando sono stufo oppure ho i nervi scoperti, me ne vado fuori dai piedi, non faccio storie. Facciamoci compagnia, caro uomo. Come tanti gatti l'hanno fatta, da sempre, a tanti bambini, e anche a tanti santi. Penso a Chiara d'Assisi, alla sua gattina, unica sua compagnia per lunghi anni accanto a lei fulminata dall'artrosi. Ma penso soprattutto che santo o lazzarone, io il mio padrone o lo amo com'è o non lo amo affatto. E sogno che venga il giorno in cui il nostro rapporto non dipenda più dalla fame di cibo o di affetto, cioè dalla necessità, ma solo da una libera scelta d'amicizia.

Bibliografia[modifica]

  • Nazareno Fabbretti, Caro uomo. Lettere degli animali; citato in Alessandro Paronuzzi (a cura di), 101 gatti d'autore. Grandi autori, da Benni a Sepúlveda, dalla Morante a García Márquez, da Eco a Twain hanno descritto un gatto, Franco Muzzio Editore, Padova, 1997, pp. 61-62. ISBN 88-7021-844-9

Altri progetti[modifica]