Nicolas de Condorcet

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Nicolas de Condorcet

Marie Jean Antoine Nicolas de Caritat, marchese di Condorcet, noto come Nicolas de Condorcet (1743 – 1794), matematico, economista, filosofo e politico rivoluzionario francese.

Citazioni di Nicolas de Condorcet[modifica]

  • Gli uomini hanno assunto talmente tanto l'abitudine di obbedire ad altri uomini, che la libertà è, per la maggior parte di essi, il diritto di essere sottomessi solo a maestri scelti da loro stessi. Le loro idee non vanno più lontano di così, ed è qui che si arresta il debole sentimento della loro indipendenza.[1]
  • La natura non ha segnato alcun limite al perfezionamento delle facoltà umane.[2]

Citazioni su Nicolas de Condorcet[modifica]

  • L'arte della biografia sembra vivere un momento piuttosto nefasto in Inghilterra. Bisogna riconoscere che, nonostante alcuni capolavori, non abbiamo mai avuto una grande tradizione biografica, pari a quella francese; non abbiamo avuto i Fontenelle né i Condorcet, con i loro incomparabili éloges, capaci di condensare in poche brillanti pagine le multiformi esistenze umane. Da noi, il più delicato e umano di tutti i rami dell'arte dello scrivere è stato trattato da letterati del mestiere; non riflettiamo sul fatto che scrivere bene una vita è forse difficile quanto viverla bene. (Lytton Strachey)
  • Sophie de Condorcet era allora sui trent'anni. Era bruna, con la carnagione olivastra. Aveva avuto un'esistenza ricca di vicende. Suo marito, marchese Condorcet, filosofo e matematico, era girondino; caduti i girondini nel 1792, lo cercavano per arrestarlo; si nascose in una casa di contadini; la moglie veniva a trovarlo vestita da contadina, e intanto aveva chiesto il divorzio, per salvare i beni confiscati. Poi Condorcet tentò di fuggire, fu preso, e s'avvelenò con lo stramonio; aveva avuto lo stramonio da un amico medico, Pierre Cabanis. (Natalia Ginzburg)

Note[modifica]

  1. Da Della natura dei poteri politici in una nazione libera, ne Gli sguardi dell'illuminista. Politica e ragione nell'età dei lumi, a cura di Graziella Durante, edizioni Dedalo, Bari, 2009, p. 31.
  2. Da Esquisse d'un tableau historique des progrès de l'esprit humain, in Grande antologia filosofica, vol. XIV, traduzione di Michelangelo Ghio, Marzorati, Milano, 1968, p. 701.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]