Vai al contenuto

Niels Henrik Abel

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Niels Henrik Abel

Niels Henrik Abel (1802 – 1829), matematico norvegese.

Citazioni di Niels Henrik Abel[modifica]

  • È un'onta che si osi fondare sulle serie divergenti una qualsiasi dimostrazione. Col loro mezzo si può dimostrare ciò che si vuole: esse sono la fonte di delusioni ed errori.[1]
  • Le matematiche pure, nella lor più pura accezione, dovranno fare nell'avvenire l'oggetto unico del mio studio. Tutte le mie forze saranno impiegate a portar luce nella mostruosa oscurità che regna ora, senza contestazioni possibili, sulla Analisi.[2]
  • [In risposta a una domanda su come ottenne la sua competenza[3]] Studiando i maestri e non i loro allievi.
(EN) One should study the masters and not the pupils.[4]

Citazioni su Niels Henrik Abel[modifica]

  • Abel rappresenta, nella storia dello sviluppo dell'analisi, il campione che ha combattuto con maggiore veemenza per «stabilire senza contestazione il principio del rigore completo». (Ludovico Geymonat)

Note[modifica]

  1. Citato in Ludovico Geymonat, Storia e filosofia dell'analisi infinitesimale, Bollati Boringhieri, Torino, 2008, cap. XI, p. 173.
  2. Da una lettera ad Hansteen, Dresda, 29 marzo 1826: citato in Federigo Enriques, Le matematiche nella storia e nella cultura, Nicola Zanichelli Editore, Bologna, 1938, ristampa anastatica 1982, cap. I, p. 197.
  3. Si tratta invece di una nota a margine nel suo taccuino di matematica
  4. Citato in Øystein Ore, Niels Henrik Abel: Mathematician Extraordinary, 1957.

Altri progetti[modifica]