Ninfa (mitologia)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Le ninfe mentre ascoltano i canti di Orfeo (C. Jalabert)

Citazioni sulla ninfa.

  • Al tramontar del sole la ninfa mia, | spogliando di fiori il verde piano, | quanti ne troncava la bella mano | tanti il bianco piede ne faceva crescere. (Luis de Góngora)
  • La differenza che c'è tra le ninfe e le sirene è che le ninfe danno baci dolci e le sirene salati. (Ramón Gómez de la Serna)
  • La fuggitiva ninfa intanto, là dove | ruba un alloro il suo tronco al sole ardente, | tanti gelsomini quanta erba nasconde | la neve delle sue membra da una fonte. | Dolce si lamenta e dolce risponde | un usignolo a un altro, e dolcemente | l'armonia dà al sonno i suoi occhi, | per non bruciare il giorno con tre soli. (Luis de Góngora)
  • Se volete darmi un nome, non mi interessa. Sappiate però che in realtà io sono una ninfa. Una Nereida, una Driade. Semplicemente una ninfa. (Valérie Tasso)
  • Sei una bella donna, sei una ninfa, sei ninfatica! (Totò di notte n. 1)
  • Tra i limiti d'età di nove e quattordici anni non mancano le vergini che a certi ammaliati viaggiatori, i quali hanno due volte o parecchie volte il loro numero di anni, rivelano la propria reale natura: una natura non umana, ma di ninfa (vale a dire, demoniaca). Orbene, io propongo di chiamare "ninfette" queste creature eccezionali. (Vladimir Vladimirovič Nabokov)
  • Udite, selve, mie dolce parole, | poi che la ninfa mia udir non vuole. | Ben si cura l'armento del pastore: | la ninfa non si cura dell'amante, | la bella ninfa che di sasso ha 'l core, | anzi di ferro, anzi l'ha di diamante. | Ella fugge da me sempre davante | com'agnella dal lupo fuggir suole. (Angelo Poliziano)

Altri progetti[modifica]