Onagro

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Una fila di onagri in Israele

Citazioni sull'onagro.

  • Chi ha mandato libero l'onagro, | e i suoi legami chi li ha sciolti? | Ad esso io diedi il deserto quale casa | e qual sua dimora la terra di salsuggine. | Disprezza egli il tumulto della città, | e urla di mandriano non ascolta; | visita torno torno i monti del suo pascolo, | e ogni verde zolla egli ricerca. (Libro di Giobbe)
  • Egli [Ismaele] sarà come un ònagro; | la sua mano sarà contro tutti | e la mano di tutti contro di lui | e abiterà di fronte a tutti i suoi fratelli. (Genesi)
  • Gli ònagri si fermano sui luoghi elevati | e aspirano l'aria come sciacalli; | i loro occhi languiscono, | perché non si trovano erbaggi. (Libro di Geremia)
  • L'uomo insensato si leva in superbia, | e qual giovane onagro si stima nato indipendente. (Libro di Giobbe)
  • Sono preda dei leoni gli ònagri nel deserto; | così pascolo dei ricchi sono i poveri. (Siracide)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]