One Tree Hill (sesta stagione)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: One Tree Hill.

One Tree Hill, sesta stagione.

Episodio 1, La scelta[modifica]

  • Ciao, sono io. Sono all'aeroporto e ho due biglietti per Las Vegas. Vuoi sposarmi stasera? (Lucas)
  • Uomo in aeroporto: Ci sposiamo eh?
    Lucas: Io lo spero. Non so però se, se lei si farà viva.
    Uomo in aeroporto: Aspetta e vedrai... Ti dirò una cosa figliolo, la cosa più importante del mondo è trovare la persona giusta con cui trascorrere la tua vita.
    Lucas: Io so che ho fatto la scelta giusta.
    Uomo in aeroporto: Certo haha, è quello che ti frega, pensare di avere una scelta. Non lo trovi l'amore, è lui che trova te. Dipende un po dal fato un po dal destino, un po dal volere delle stelle forse, e molto dal semplice fatto che le donne sono molto più sveglie di noi. Delle vere volpi. Mi dispiace ma non hai mai avuto scelta, ma se proprio ci tieni a credere di averla fatta questa scelta, direi che è quella giusta.
    Lucas: E come può dirlo?
    Uomo in aeroporto: Perché si è fatta viva. Ed è molto bellina...
  • Peyton: Sei tutto matto. Non puoi chiamarmi dall'aeroporto.
    Lucas: Lo so che sembra assurdo ma...
    Peyton: Sei un pazzo vero Lucas, ma sei un pazzo tutto mio. E io ti amo...

Episodio 2, Matrimonio in vista[modifica]

  • "Quand'ero bambino, adoravo saltare sul letto. Facevo finta di saper volare; fingevo di andare a canestro. Ero felice." Lucas
  • Haley: Bhè caspita hai fatto dei grandi progressi, sembra quasi che tu ti stia appassionando ai miserabili.
    Quentin: Aaa, adesso non esagerare. Mi hai chiesto di leggere il libro ed è quello che sto facendo.
    Haley: Ho notato anche come ti comporti con Jamie e Nathan. Lo apprezzo molto.
    Quentin: Te lo posso assicurare, quel bambino diventerà un grand'uomo, lo penso sul serio, lui ha già un sacco di qualità.
    Haley: È felice che la stella della squadra di basket lo faccia sentire speciale.
    Quentin: È che ho un fratellino della sua stessa età, e lui mi osserva sempre e mi copia qualsiasi cosa io faccia, così cerco di farlo divertire un po prima che cresca e la vita diventi difficile.
  • Peyton: Oh mio Dio! Brooke cos'è successo?
    Brooke: E passata Lindsay... ha detto "Peyton è una sgualdrina", allora io le ho detto "Peyton non è una sgualdrina"... e lei ha detto "Invece si", e io le ho detto "Bè, magari la sgualdrina sei proprio tu." Ma dovresti vedere la sua faccia.
  • Io non credo nel karma. Cerchi di essere una brava persona, ma le cose brutte succedono lo stesso." (Brooke)
  • Jamie: Al tuo matrimonio dovrò portare un'altra volta gli anelli?
    Lucas: No se non vuoi farlo.
    Jamie: Ok, perché l'ultima volta non è andata proprio bene
  • Haley: "Ti davo ripetizioni la prima volta che ti vidi giocare, in campo eri come una rock star."
    Nathan: "Letteratura, sedevi vicino a Keith e avevi uno stupido cappello. Quella sera ho fatto 35 punti, e ogni canestro che facevo rientrava nel mio programma "bisogna conquistare Haley James."
    Haley: Ha funzionato!
    Nathan: "Ho giocato quella partita per te. E sai una cosa? Mollerei tutto per te. Perché per quanto ami giocare a basket, ed essere la persona che sono quando gioco... io amo di più essere un marito e un padre."

Episodio 3, Il segreto della vita[modifica]

  • "Quentin Fields era un giocatore di basket, era anche un figlio, un fratello, un compagno di squadra e amico di qualcuno. Non conoscevo Quentin Fields, e non potrò mai conoscerlo. Vi siete mai chiesti se voi non ci foste più? Se ve ne andaste all'improvviso, il mondo come reagirebbe? Qualsiasi cosa immaginiate è sbagliata. Non c'è niente di romantico nella morte. Il lutto è come l'oceano, profondo, scuro, e più forte di tutti noi. E il dolore ti colpisce come un ladro nella notte: silenzioso, persistente, ingiusto. Attenuato dal tempo, dalla fede, e dall'amore. Non conoscevo Quentin Fields, ma lo invidio, perché vedo come la sua assenza colpisca le persone che lo hanno conosciuto, quindi so che era importante per loro, e so che era amato. Dicono tutti che Quentin Fields fosse un grande giocatore di basket, aggraziato, sciolto e ispiratore. Dicono che nella serata giusta sembrava quasi di vederlo volare, e ora può farlo davvero... " (Samantha)
  • "Pensiamo di averlo sempre un domani, sai. Aveva solo 17 anni e la sua vita non era neanche cominciata. E poi il telefono squilla nel cuore della notte e lui... se n'è andato. È sbagliato, Lucas. Insopportabile e sbagliato." (Skills)
  • "Già, tu ci sei... Quentin non c'è più, e io sono da tutt'altra parte." (Skills)
  • "La vita è troppo breve per combattere, per essere tristi. Nessuno provi a cambiare quanto c'è di meraviglioso in te." (Peyton)
  • "Ascoltatemi. Voi mi avete chiesto quale senso avesse la scuola, lo studiare letteratura, il perché della vita. E io vi ho detto che non c'era alcun senso... ma sbagliavo. Avrei dovuto dirvi: "bè, io non lo so". Perché non molto tempo fa io ero seduta proprio dove siete voi ora e mi chiedevo esattamente le stesse cose. Vedete quando accade qualcosa di tragico, di orribile e di inspiegabile, come perdere qualcuno per sempre... me lo chiedo ancora. Come fate voi!" (Haley)
  • "Chi non piange non è in grado di capire." (Haley) – (tratto da i "Miserabili")

Nathan: "Ascolta, la perdita di Quentin è difficile da superare e sento che per un po' sarà un evento dominante nelle nostre vite. Ma questo non significa che i tuoi problemi siano meno importanti, o che noi non ci saremo se ne avessi bisogno."
Brooke: "Ascolta, ti ho detto che..."
Nathan: "Che stai bene... che... che ce la fai, e che è tutto a posto. Spero che sia vero, forse lo è...ma, la realtà è che noi due abbiamo storie molto simili. Prima eravamo nello stesso gruppo, abbiamo subito le stesse pressioni, avuto le stesse aspettative con dei genitori difficili, e così noi siamo stati costretti a crescere da soli e troppo velocemente. Tu lo sai che io ti capisco?"
Brooke: "Non ci hanno mai dato una possibilità, vero? I nostri genitori."
Nathan: "Non sapevamo come fare. Senti tu hai fatto in modo che il tuo sogno si avverasse, mentre io non ci sono riuscito e quando quel sogno mi è stato tolto ho dovuto fare i conti con me stesso, e sono stato stupido, egoista, ho sbagliato. Quindi se tua madre cercasse di toglierti il tuo sogno e tu ne dovessi soffrire, ricordati che io ci sono passato, ok? E mi arrabbierò moltissimo se non verrai a parlarne con me. Ti ringrazio, per essere qui oggi, ha significato molto per me. So che non conoscevi Quentin ma non mi sorprende che tu pensi agli altri anche in un brutto momento come questo."

Episodio 4, Acque agitate[modifica]

  • "La cosa più difficile nel dirsi addio, è doverlo rifare ogni giorno. Affrontiamo minuto per minuto questa verità, cioè che la vita ci scappa di mano. Il nostro tempo sulla terra è breve. E per rendere onore a chi non c'è più, dobbiamo vivere al meglio la nostra vita." (Lucas)
  • "Credi che in paradiso giochino a basket?" (James Lucas Scott)
  • Nathan: "Quando la smetterai di volermi migliorare?"
    Haley: "Non succederà mai."
  • Brooke: "Vorrei tanto avere una famiglia come la tua."
    Jamie: "Ce l'hai... se la zia Brooke."
  • Jamie: "L'hai mandata via perché ha baciato zio Skills?"
    Nathan: "Ma tu lo sapevi?"
    Jamie: "Certo. Lui ha fatto finta di levarle qualcosa che aveva nell'occhio, ma erano così sdolcinati."
    Nathan: "E cosa hai provato a vederli fare così?"
    Jamie: "È bello. Voglio bene alla nonna, voglio bene a zio Skills. Quindi anche loro si vogliono bene."
    Nathan: "Le cose sono un po' più complicate, soprattutto perché Deb è mia madre."
    Jamie: "Si, però la mia mamma te la faccio baciare."

Episodio 5, Ricominciare[modifica]

  • "Si dice che lasciamo questo mondo nello stesso modo in cui ci siamo arrivati: nudi e soli." (Carrie)
  • "Ma allora se ce ne andiamo a mani vuote, qual è l'unità di misura della vita? Le persone che scegliamo di amare?"(Lucas)
  • Oppure la vita è scandita dai nostri successi?" (Nathan)
  • "E se sbagliamo? E se non ci ama nessuno? Che cosa succede? Non si può sapere." (Brooke)
  • "O forse la silenziosa disperazione di una vita passata a sognare invano ci farà impazzire." (Dan)
  • "Non sei l'unica tata folle di questa città." (Deb)

Episodio 6, Stile di vita[modifica]

  • Brooke: "Come mai questo elenco mi suona così familiare?"
    Millicent: "Perché sono tutti i tuoi sogni. Dici sempre che vorresti fare questo e quello, e poi Victoria ti smonta o sei troppo impegnata per provarci."
    Brooke: "Quindi mentre lei mi smontava tutti i sogni..."
    Millicent: "Io me li annotavo perché potessi realizzarli."
  • Nathan: "Hai salvato mia moglie, hai salvato mio figlio, ma hai ucciso mio zio. Non so cosa ne verrà fuori. Mio figlio ti adora."
    Dan: "E mio figlio mi odia."
    Nathan: "I tuoi figli."
  • "Guardalo lì, passa il tempo a saltare e a divertirsi. Ne ha passate di tutti i colori, eppure non molla, non si lascia demoralizzare da niente. È un bambino forte." (Skills)
  • "Nessuna ragione al mondo deve trattenerti dal parlarmi di qualsiasi cosa." (Peyton)
  • "Quando hai una giornata nera, ricordati che qualcuno l'ha avuta peggiore della tua. Quindi fermati e pensa ai lati positivi." (Lucas)
  • "Ci siamo ritrovati questo è l'importante. Ed è successo proprio grazie al libro... quindi è stato il mio capolavoro." (Lucas)

Episodio 7, Un rapporto difficile[modifica]

  • Lucas: "A dire il vero i Cure non mi piacciono."
    Peyton: "Come è possibile che non ti piacciono?"
    Lucas: "Bè, fanno una musica lagnosa e deprimente."
    Peyton: "E se si ispirassero a una persona, saresti tu."
  • Peyton: "Ora se vuoi scusarmi vado a portare i miei album dei Cure, dove saranno apprezzati."
    Lucas: "Nella spazzatura?"
  • Lo sai, sei un idiota. Io ti ho detto che volevo diventare madre e tu sei scappato e hai lasciato nella porta di casa mia un buco a forma di Owen. (Brooke)
  • "Senti carina, se il tuo marmocchio non la smette di prendere in giro mio figlio, io non sono darò a Jamie il permesso di prenderlo a calci nel sedere, ma io personalmente prenderò a calci il tuo, capito?" (Haley)
  • Haley: "Ho conosciuto una ragazza che canta tutti i giorni per strada solamente per divertirsi. È favolosa e mi è sembrata così felice. La musica per me è sempre stata questo, e adesso non lo è più."
    Brooke: "Fai in modo che sia di nuovo divertente. Cerca quello che amavi della musica e comincia da lì."
  • "Ci sono i leader e c'è chi li segue. E tu sei un leader" (Nathan a Jamie)

Episodio 8, Un film su Tree Hill[modifica]

  • Hey 99, pensavamo che avresti protetto il 23. E già che ci sei, perché nel frattempo non vinci la paura di avere figli. (Brooke)
  • Samantha: Ehi, sei bassetto.
    Jamie: Ho cinque anni, tu che scusa hai?
  • Brooke: Tu non dovresti essere qui, adesso.
    Lucas: Perché no?
    Brooke: Lavoro all'abito da sposa di Peyton e porta sfortuna vederlo prima delle nozze. E considerata la tua fortuna con i matrimoni, vorresti davvero sfidarla?
  • "Un giorno scopri che la tua vita ha uno scopo, e qualcuno ti fa sentire speciale... e trovi degli amici. Ed è come se improvvisamente tutto il tempo e il dolore che sono serviti per arrivarci, non contassero più." (Peyton)

Episodio 9, Simpatia per il diavolo[modifica]

  • Lucas: "Ultimamente mi sto chiedendo se Dan ha un'anima."
    Nathan: "Certo che ce l'ha, ma l'ha venduta tanto tempo fa."
  • Dan: "Keith è un eroe. Se vuoi scrivere la verità, scrivi questo."
    Lucas: "Perché l'hai fatto?"
    Dan: "Per ogni buona storia serve un malvagio... mi spiace di essere il tuo."
  • Nathan: "Giocare non è così importante come abbracciare mio figlio quando ha paura e mia moglie quando ha bisogno di me. Va tutto bene, ho chiuso con lo Slamball."
    Haley: "Ma come fai con il campionato?"
    Nathan: "Che vuoi che mi importi del campionato se questi sono i miei ultimi due trofei? Mi sento un uomo fortunato."
  • "Il punto focale non è l'omicidio. Ma il dolore che provi quando muore il tuo eroe." (Lucas)

Episodio 10, Il passato ritorna[modifica]

  • "Ti ricordi la prima volta che hai cantato per me al bar? Bè, se diventi nervosa chiudi gli occhi e fai finta di essere lì. Solamente tu ed io." (Nathan)
  • Millicent: "C'era una ragazza nel mio letto!"
    Brooke: "Ti piacciono le donne?"
    Millicent: "No, c'era Gigi dentro il mio letto."
    Brooke: "Vuoi dire che tu e Mouth avete fatto una cosa a tre con la sua ex?"
    Millicent: " In realtà Marvin e Gigi hanno fatto un pigiama party ieri sera. Sono tornata stamattina e ho trovato quella strega maledetta nel mio letto!"
    Brooke: " Con Mouth?"
    Millicent: "No, lui stava sul divano! "
    Brooke: "Quindi dove starebbe il problema? "
    Millicent: " Secondo te mi ha tradita? "
    Brooke: " Millie, tu e Mouth siete innamorati l'uno dell'altra, perché dovrebbe mandare tutto all'aria? "
    Millicent: "...Be' forse perché non vado a letto con lui..."
    Brooke: " Come? "
    Millicent: " Io sono vergine, Mouth no e sono sicura che ha delle esigenze, e se le avesse appagate "
    Brooke: " Basta, aspetta un momento, frena! Tu saresti vergine? Voi due vivete insieme, dormite nello stesso letto e tu sei illibata?"
    Millicent: " [Fa cenno di "Si" con la testa] "
    Brooke: " Be' comunque qualche altra cosa la farete, non è vero? insomma mi hai capito, amoreggerete un po'? "
    Millicent: " [Fa cenno di "No" con la testa] "
    Brooke: " Niente di niente? È come vedere un Unicorno o l'uomo delle nevi. "
    Millicent: " Be' forse dovrei fare sesso con lui... "
    Brooke: No, no, no! il sesso non è tutto Millicent devi credermi. Quel ragazzo ti ama esattamente per quello che sei.
  • Lucas: "E le donne si innamorano dei ripieghi?"
    Brooke: "Ogni volta. Ma quello non è vero amore, è la tua testa che te lo fa credere per poterti proteggere dal dolore devastante che stai provando."
  • "L'incitamento della folla è elettrizzante, ma non potrà mai sostituire la mia famiglia, che è tutto quello che voglio." (Haley)
  • "Ho lavorato duro, e i miei sogni hanno cominciato a realizzarsi di nuovo e ho iniziato a capire che le persone attraversano delle fasi e affrontano delle sfide che li rendono più forti." (Nathan)
  • Nathan: "Nella vita non esiste solo il basket. Sai, ogni volta che vedo Jamie ridere... è un sogno che diventa realtà. E ogni volta che stringo Haley... è un sogno che diventa realtà. Sono la mia vita."
    Quentin: "Ed è per loro che devi mostrare la parte migliore di te stesso ed essere d'esempio. Che sei uno che combatte per quello che vuole, che sei una persona che non ha paura di essere grande. Dai il meglio di te quando vivi i tuoi sogni. Guarda che non c'è niente di egoista in tutto questo."
  • "Promettiamoci che non avremo mai paura di vivere i nostri sogni."(Nathan)
  • "È dura sapere che eri innamorata di quel tizio. Ma sei stata così forte e così comprensiva con me, quando avevo rinunciato a noi. Perciò io cercherò di lasciar perdere, d'accordo? D'altronde chi è che non si innamorerebbe di te Peyton Sawyer?" (Lucas)
  • "Vivi la tua vita, vivi il tuo sogno, senza paura." (Quentin)

Episodio 12, I sogni non bastano[modifica]

  • Jamie: "E se fossi due metri e mezzo?"
    Nathan: "Sarei morto di infarto, credo."
    Jamie: "Bè, 1,87 va benissimo... anche e 27 per me."
    Nathan: "Lamentati con quella tappa della mamma."
  • Julian: "Scusa, Sam ti saluta."
    Brooke: "Chi? La mia Sam? E perché la mia Sam ha il tuo numero di telefono?"
    Julian: "Le interessa l'industria cinematografica."
    Brooke: "Ha solo 15 anni, depravato."
    Julian: "Senti devi allargare un po' le tue vedute. Sto parlando del film, non di me e Sam. Ha solo 15 anni sai, depravata."
  • "I numeri sono strani: possono misurarti, cronometrarti, analizzarti quanto vogliono. Ma sanno tutti che la sola cosa che conta è come giochi. Crede che abbia perso un occasione a causa del mio incidente, quindi mi marca stretto, ma non è così. Ora indietreggerà perché non vorrà essere battuto nel dribling, sono mezzo passo... è un errore. Mai sentito dire: non si può misurare il cuore? La verità è che non si può misurare nulla. Cuore, volontà, necessità. Credono che non possa giocare come playmaker, ma Queentin sapeva che avrei potuto. Non si può misurare un sogno." (Nathan)
  • "Chi il bene parla e mal si comporta è come l'erbaccia davanti alla porta. E quando l'erbaccia arriva al selcciato, è come un giardino tutto ghiacciato. E quando il ghiaccio diventa più duro, è come una sposa seduta sul muro. E quando la sposa ritrova il suo velo, è come un'aquila che vola in cielo. E quando nel cielo suon fulmini e lampi, è come un leone che arriva nei campi. E quando i campi non danno più frutto, è come un bastone che batte sul petto. E quando il petto inizia a bruciare, è come un pugnale che trapana il cuore. E quando il cuore sanguina forte, signori è finita. Arriva la morte." (James Lucas Scott)

Episodio 13, Le cose che una mamma non sa[modifica]

  • Peyton: "Ciao, devo dirti una cosa Lucas."
    Lucas: "Peyton? Va tutto bene?"
    Peyton: "Lo so che è tardi."
    Lucas: "Non c'è problema, tranquilla. Che succede?"
    Peyton: "Non credo di poter continuare a considerarti il mio ragazzo, purtroppo. Perché tra non molto la definizione più adatta sarà, padre di mio figlio. Io ti darò un figlio, Lucas Scott. Il nostro bambino... sono incinta."
  • "Il fatto che stiate soffrendo siginifica che vi amate ancora." (Skills)
  • Jamie: "Io credo che alcuni fantasmi siano come angeli."
    Andrè: "Si, ma allora perché i fantasmi volano senza le ali, mentre gli angeli no?"
  • "Hai bisogno di un ispirazione, della forza che è capace di darti. Capisci? La sfida di vivere la tua vita e non di stare seduta in uno studio di registrazione con l'obiettivo di scrivere la canzone giusta." (Haley)
  • "Qualche volta le persone devono piangere per dar spazio ad un cuore pieno di sorrisi." (James Lucas Scott)
  • "Ti odio con tutta me stessa, ma non sprecherò il mio tempo a causa tua. Ne tanto meno la mia vita." (Brooke)

Episodio 14, La prima volta[modifica]

  • Samantha: "Hai un appuntamento!"
    Brooke: "Ci vediamo per lavorare."
    Samantha: "Si, un lavoro che inizia in salotto e finisce in camera da letto."
  • Peyton: "Sono incinta."
    Brooke: "No."
    Peyton: "No, no, no, ti prego non piangere tesoro, ok? Io lo so che tu volevi avere un bambino e non volevo sembrarti insensibile, ma sappi che avrai un ruolo fondamentale nella sua vita,"
    Brooke: "Grazie. Ma non è questo il motivo per cui sto piangendo. Ho appena completato il tuo abito da sposa e ha un corsetto. Uno strettissimo e doloroso corsetto da ragazza non incinta."
    Peyton: "Potresti farci un buco all'altezza della pancia."
  • Haley: "Ciao Lucas!"
    Lucas: "Ciao Haley!"
    Haley: "So che Peyton non avrebbe dovuto, ma mi ha confidato di essere incinta e sono così felice per voi."
    Lucas: "Eravamo d'accordo nel non dire niente."
    Haley: "Non l'ha fatto. Ah! Ti ho fregato. Congratulazioni."
    Lucas: "Ma sei tremenda!"
    Haley: "Piantala! Il mio miglire amico diventerà padre e io diventerò zia. Senti, qualsiasi cosa ti servi io sono qui, ok?"
    Lucas: "E la stessa cosa vale per quando Nathan sarà in ritiro, noi siamo qui per te."
    Haley: "Davvero? Allora ne approfitto: non è che terresti Jamie e anche Andrè?"
    Lucas: "Era tutto organizzato, vero?"
    Haley: "Be' le urla e gli abbracci erano genuini, ma il resto era tutto premeditato."
  • Brooke: "Hai ragione ad essere arrabbiato, e capisco che ti senta ferito. Ma ti garantisco che a prescindere da quanto tu stia male, Millicent si sente molto peggio. Mouth, ha perso le due cose che contavano di più per lei, e forse per miracolo potrà riaverne una."
    Mouth: "Ce l'ho fisso in testa, Brooke. Non penso ad altro che a loro due insieme, e non posso semplicemente decidere che niente è cambiato."
    Brooke: "No, non è così. Tu puoi decidere che niente in te è cambiato. Ma se non ci riesci, allora, forse non la ami abbastanza."
  • "Di solito fantasticavo che Sharon e Ozzy Osbourne sarebbero stati i miei nuovi genitori e che mi avrebbero regalato un cane. Una volta cresciuta quando accadeva mi prendevo per mano da sola, fingendo che fosse qualcun altro a tenermela. Qualcuno al quale importasse dove stessi andando." (Samantha)
  • Nathan: "Gira voce che diventerai padre. È davvero fantastico!"
    Lucas: "Già. Ma è stata dura, non so come tu ci riesca. Io sono esausto."
    Nathan: "Si tratta solo di gioco di squadra. La vedi la ragazza che dorme accanto a te? Tu ancora non lo sai ma, è una super eroina, credimi."

Episodio 15, Cambiare, aspettare [modifica]

  • "Il tuo sorriso andrebbe messo fuorilegge... è criminale." (Brooke)
  • Nathan: "Non capisco come mi sia capitata una donna con tanto talento."
    Haley: "Forse hai avuto fortuna."
    Nathan: "No, la fortuna mi ha fatto avere un figlio."
    Haley: " Com'è andata con il Couch?"
    Nathan: "Non tornerò a giocare molto presto."
    Haley: "Mi dispiace, Nathan."
    Nathan: "Non fa niente. Comunque le prossime partite potete evitarle, non voglio che Jamie soffra."
    Haley: "Ma che cosa dici? Sei il suo eroe."
    Nathan: "Esattamente! Non è bello vedere il tuo eroe seduto in panchina."
    Haley: "Noi veniamo alle tue partite per sostenerti, che tu giochi oppure no. E poi è importante per nostro figlio vedere che tu non molli."
    Nathan: "Si, forse hai ragione."
    Haley: "Ce l'ho! Comunque, noi siamo una squadra: vinciamo insieme, perdiamo insieme."
  • Brooke: "Sappiamo che te ne andrai quando il film sarà finito."
    Julian: Ah, ecco cos'è. Ok, bè possiamo rallentare le cose e così concentrarci sul film."
    Brooke: "Rallentare o fermarci completamente?"
    Julian: "Sembra che tu ti sia fermata completamente prima ancora che arrivassi io."
  • Dan: "Le sconfitte forzano i cambiamenti. È il tuo momento."
    Nathan: "Non ho questa impressione. Ho come rivale il migliore della squadra."
    Dan: "Sai come si chiama il migliore di una squadra che perde?"
    Nathan: "Perdente?"
    Dan: "Bravo, un perdente. Tu ora giochi nella sua squadra, presto giocherà lui nella tua."
  • Brooke: "Lucas, non devi scendere a compromessi, a meno che tu non voglia. La cosa in assoluto più grave è che questo film sia falsato perché impostato dalla visione di un altro."
    Lucas: "E allora, che cosa devo fare, Brooke?"
    Brooke: "Tutto quello che è necessario. Fai in modo che la storia sia raccontata alla tua maniera."
  • "Non conta solo vincere o perdere, anche il cuore è importante." (James Lucas Scott)
  • "Io voglio un regista che sia in grado di ricreare le sensazioni che provavo nei momenti che guardavo il fiume di notte. Voglio qualcuno che sappia spiegare al pubblico perché una canzone può cambiare in un istante, l'umore di Peyton. Qualcuno che riconosca l'esistenza di due aspetti totalmente diversi in Brooke Davis, molto diversi, ma splendidi. Io voglio un regista che trasformi in grandi, le piccole cose." (Lucas)
  • Julian: "Ti propongo di fare sul serio."
    Brooke: "Non è un film, Julian."
    Julian: "Lo so. Quando sono arrivato qui tutti credevano che fosse per un motivo: la ragazza del libro. Ma io ero venuto a produrre un film. E poi ho visto che in fondo avevano ragione loro. Sono qui per la ragazza del libro, ma si tratta dell'altra."

Episodio 16, La mia Peyton [modifica]

  • Brooke: "Il vestito va bene così, Missy. Tu che cosa ne pensi, Julian?"
    Julian: "Ehm... potrebbe essere un po' più sexy in realtà."
    Brooke: "Vuoi che le metta addosso solo un paio di cerotti?"
  • Haley: "Come va il film?"
    Lucas: "Ho avuto il mio primo scatto da Diva: ho dato fuori di matto."
    Haley: "Oh, non dirmi. Accidenti, avrei voluto esserci."
    Lucas: "Ah, resta nei dintorni si ripeterà presto."
    Haley: "Va tanto male?"
    Lucas: "Non riesco a scegliere nemmeno una palla da basket. Figuriamoci scegliere una Peyton. Il mio istinto mi dice una cosa, ma tutti ne dicono un'altra."
    Haley: "Che ti importa degli altri? Segui il tuo istinto."
    Lucas: "È così facile?"
    Haley: "Ma è il tuo libro, il tuo film, tu conosci i personaggi e i luoghi meglio di chiunque altro, dovresti avere fiducia in te stesso, santo cielo."
    Lucas: "Ti adoro, io ti adoro..."
    Haley: "Lo so."
    Lucas: "Sei un anti-depressivo da sballo."
  • "A volte bisogna avere fiducia in se stessi, segui il tuo istinto." (Lucas)
  • Julian: "Ecco la nuova descrizione della Brooke Davis che sto cercando."
    Brooke: "Stupenda bruna dall'energia e dal sorriso straordinario. Divertente. Intelligente. Dal cuore d'oro. Determinata. Semplice. Complicata. Materna. Infantile. Forte. Sensibile. Bellissima. Più in gamba di quanto lo fosse al liceo."
    Julian: "Questa ragazza è stata... quasi impossibile da trovare. Ma è valsa la pena attendere molto."

Episodio 17, Uno sguardo al passato[modifica]

  • "La vita non ti punisce perché hai avuto paura." (Lucas)
  • Lucas: "Tu dici che ti salvo sempre, Peyton. Ma non ti posso salvare da questo."
    Peyton: "Non dobbiamo nemmeno pensarci, ok? Pensa solo a tutte le cose che io e te insieme siamo sopravvissuti, pensaci, incidenti d'auto, ferite da proiettile, psicopatici. Vogliamo davvero lasciare che un dottore ci spaventi, Lucas Scott?"
    [...]
    Peyton: "Sei tu che mi hai insegnato a credere nel destino. Non è di questo che parla "Comet"? Accettare il proprio destino."
    Lucas: "Non può essere questo il tuo destino."
    Peyton: "Forse lo è. Forse può anche darsi che l'amore che c'è tra te e me, e ogni attimo che noi abbiamo vissuto insieme... dovessero, dovessero portarci a questo punto. Può darsi che io e te fossimo destinati a creare questa nuova vita perché magari nostro figlio è destinato a cambiare il mondo."
    Lucas: "Non riesco ad accettare che la nostra storia non abbia un lieto fine."
    Peyton: "La nostra storia ha già avuto un finale straordinario, vada come vada. Perché siamo insieme."
  • Mouth: "Non conosco tutte le risposte, Milli. So soltanto che mi manchi."
    Millicent: "Cosa ti manca di me?"
    Mouth: "Mi manca non cominciare la mia giornata con te. E non tornare a casa dall'unica persona che davvero mi capisce."
  • "Senti, ci sono poche cose di cui sono sicuro nella vita, e una di quelle è che sarai tu a spingere la mia carrozzella quando avrò ottant'anni, inoltre non potrei vivere tranquillo sapendo che il mio sogno ti ha impedito di realizzare il tuo." (Nathan)
  • "È davvero triste essere sempre la seconda scelta." (Brooke)
  • Brooke: "Non puoi scegliere chi amare."
    Julian: "Già, non puoi. Ma puoi decidere se aprire o no il tuo cuore all'amore."
  • "Penso che tu mi ami, o che potresti amarmi, ma sei troppo spaventata per ammetterlo, perché l'ultima volta che l'hai fatto ti hanno spezzato il cuore. E lo capisco, ci sono passato anch'io. Però tu ad un certo punto della tua vita hai deciso di non aprirti più a certi sentimenti. Ma non vedi quello che vedo io, Brooke, tu puoi ancora farlo. Quindi ci proverò un'altra volta: io ti amo, sono innamorato di te, perdutamente, disperatamente innamorato." (Julian)
  • La vita è come una lunga corsa. Alcune coppie sono destinate ad arrivare in fondo. Altre a fermarsi a metà strada. (Dan)

Episodio 18, Rimorsi[modifica]

  • Dan: "Mi danno un cuore."
    Lucas: "Be', finalmente."
  • "Stiamo parlando di Brooke Davis, quindi se non ci provi sei un'idiota." (Lucas)
  • "La verità è che io amo essere la vostra insegnte e che sono molto orgogliosa di voi. Ma ho fatto quello che qualsiasi altra insegnante avrebbe fatto quando ho pubblicato il saggio di Sam, nel giornale della scuola. Era un testo straordinario, onesto e vero, come dovrebbero essere sempre i vostri scritti. E a giudicare dall'espressione della preside Lincos forse è arrivata l'ora di salutarvi. Ricordate che per voi è troppo presto per stare al gioco, ed è troppo presto anche per me. Difendente ciò in cui credete e dite sempre e solo la verità, ad ogni costo." (Haley)

Altri progetti[modifica]