Ordine di San Benedetto

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
L'abbazia di Montecassino

Citazioni sull'Ordine di San Benedetto.

  • Basta vivere qualche giorno in alcune abbazie benedettine per convincersi che i ritmi e i riti, gli usi e i costumi della vita monastica moderna sono rimasti in generale simili a quelli conosciuti dai predecessori dei monaci di oggi. (Léo Moulin)
  • La refezione [nei monasteri di San Benedetto] era semplice: perpetua l'astinenza dalle carni. Ma in confronto con la dieta dei Padri del deserto, era abbondante e molto maggiore il tempo concesso al riposo. In questo sfondo originale è fondata ogni osservanza benedettina. (Thomas Merton)
  • Vivevano i Benedettini parcamente, e ciascuno poverissimo, non accettando neanche elemosine, poiché secondo la regola dovevano campar la vita col lavoro. Così nei primi tempi coltivavano i terreni, impiantavano alberi, copiavano scritture e libri, vivevano insomma delle loro braccia ed erano contenti di loro povertà: di talché recò loro grave scandalo quando furon trovati dopo morte ad un monaco di Flavigny due soldi nascosti sotto l'ascella; fu privato della sepoltura sacra[1]. [...].
    Ma quando per sfondolate ricchezze[2] divennero potenti; quando calpestarono la regola del loro santo fondatore e gli abati diventaron feudatarii, assoldando soldati e mercenarii; quando i soli monaci di S, Benedetto Polirono presso Mantova divennero sì ricchi da occupare tremila paia di buoi al lavoro dei loro campi; la corruzione s'aprì un varco nelle celle degli austeri figliuoli di Benedetto; e regola, e leggi, e sapere, e santità andarono in fascio; e il mondo cristiano li vide parteggiare or con Papi ed or con Imperatori, or con Baroni ed or con Monarchi, li vide opprimere con abusi e soprusi gli uomini che appellavano loro vassalli; discacciare il povero dalla soglia dei loro conventi come schiavo, infine cingersi d'armi e d'armati. (Carlo De Cesare)

Note[modifica]

  1. Guilberto Abate, De vita sua. [(N.d.A.)]
  2. Ricchezze senza fondo, smisurate.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]