Oswald Mosley

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Oswald Mosley nel 1922

Sir Oswald Ernald Mosley (1896 – 1980), politico britannico.

Citazioni su Oswald Mosley[modifica]

  • Aveva portato con sé una copia dell'edizione inglese del mio libro Technique du coup d'État, e desiderava che gli scrivessi una dedica sul frontespizio. Egli si aspettava forse da me una dedica ditirambica: così, per deluderlo malignamente, scrissi sul frontespizio soltanto queste due frasi del mio libro: «Hitler, come tutti i dittatori, non è che una donna» e «La dittatura è la forma più completa della gelosia». Mosley, leggendo quelle parole, si turbò, e guardandomi con gli occhi socchiusi «anche Cesare, per voi, non era che una donna?» mi domandò con un lievissimo accento d'irritazione. Nicolson si conteneva per non ridere e mi faceva segno con gli occhi. «Era assai peggio di una donna» risposi, «Cesare non era un gentleman».
    «Cesare non era un gentleman?» disse Mosley stupito.
    «Uno straniero» risposi, «che si permette di conquistar l'Inghilterra, non è certo un gentleman.» (Curzio Malaparte)
  • Ed una delle ragioni per cui, contrariamente al giudizio di molti fascisti in Italia, mi sono subito, sin dal giorno del mio arrivo qui[1], fermato con simpatia su Oswald Mosley è perché Mosley mi è apparso come l'espressione di una «novità» assolutamente impreveduta in Inghilterra, dove nessuno, non dico «osa» ma neppure si immagina di poter venir meno ai canoni di quel patriottismo tradizionale vittoriano, che è tuttora in Inghilterra quello che il culto del Risorgimento è stato sino a poco tempo fa per l'Italia, l'insegna «Al vero patriottismo»... Mosley se ne frega della Regina Vittoria, e questo dice e questo stampa, fra le orecchie scandalizzate di tutti e dichiara di voler ripescare l'Inghilterra dei Tudor, d'Enrico VIII e di Elisabetta, l'Inghilterra non «natural» bensì settaria, che mangiava i vitelli allo spiedo, che mannaiava la gente, che coltivava la terra, che pirateggiava sul mare. (Dino Grandi)
  • Il movimento antifascista inglese ed europeo era neutralizzato più o meno largamente da uno filofascista, ugualmente inglese ed europeo. Professioni filofasciste furono fatte non solo da Churchill, ma da LLoyd George: e in Inghilterra era sorta fin dal febbraio 1933 la British Union of Fascists di Oswald Mosley, che nell'aprile si recò a Roma. (Luigi Salvatorelli)
  • Quando finalmente Mosley entrò da Laure, eran quasi le quattro del pomeriggio. Nicolson ed io avevamo già bevuto cinque o sei Martini, e avevamo cominciato a mangiare; non ricordo più quel che stavamo mangiando, né di che cosa ci mettemmo a discorrere, ricordo soltanto che Mosley aveva una testa molto piccola, una voce dolce, che era alto, altissimo, magro, indolente, un po' curvo, e che, per nulla dispiaciuto anzi perfettamente soddisfatto del suo ritardo, «on n'est jamais pressé quand il s'agit d'arriver en retard» disse, non per scusarsi, ma per farci intendere che non era così stupido da non capire che era giunto in ritardo. Nicolson ed io ci mettemmo subito d'accordo con un'occhiata, e, per tutta la durata della colazione, Mosley non ebbe neppure il più lieve sospetto che ci fossimo messi d'accordo per prenderci gioco di lui. Mi parve che fosse largamente dotato di sense of humour: ma, come tutti i dittatori (Mosley non era se non un pretendente alla dittatura, aveva però, senza alcun dubbio, ahimè, la stoffa del perfetto dittatore, e si sa di che lana è fatta quella stoffa!) non sospettava neppur lontanamente che si potesse prendersi gioco di lui. (Curzio Malaparte)

Note[modifica]

  1. Grandi fu ambasciatore d'Italia nel Regno Unito dal 1932 al 1939.

Altri progetti[modifica]