Paolo Spriano

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Paolo Spriano (1925 – 1988), storico e scrittore italiano.

  • La tragedia di un uomo e di una donna non invecchia con il tempo, non finisce di commuoverci: la sua evidenza è come fissata dalla rispondenza dei sentimenti che ogni generazione possiede al pari delle precedenti. Verrebbe fatto, semplicemente, di continuare a chiosarla, a riempirla di riscontri. (dalla prefazione a Antonio Gramsci, Lettere dal carcere, Editrice l'Unità, 1988)
  • L'Internazionale comunista era già stata ferita a morte dalle repressioni del 1936-38; ogni sua residua possibilità di autonomia si è spenta con il patto Molotov-Ribbentrop del 23 agosto 1939. (da I comunisti europei e Stalin, Einaudi, Torino, 1983, p. 183[1])

Note[modifica]

  1. Citato in Elena Agassi-Rossi e Viktor Zaslavsky, Togliatti e Stalin, Il Mulino, Bologna, 1997, p. 39. ISBN 88-15-06199-1

Altri progetti[modifica]