Pierre de Ronsard

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Pierre de Ronsard (1524 – 1585), poeta francese.

Amori[modifica]

  • Se ne va il tempo, se ne va, mia Dama; | ahi, non il tempo, ma noi ce ne andiamo, | sotto la pietra ben presto saremo. || E degli amori dei quali parliamo, | quando morremo, non si avrà novella: | amami dunque adesso che sei bella. (da Un mazzetto t'invio con le mie mani, Il secondo libro degli amori. Amori di Maria, p. 85)
  • Vera, tu sei indomabile, aspra di crudeltà, | di te falsa gioisco in tutta intimità, | accanto al tuo fantasma chiudo gli occhi e riposo: || non mi rifiuti nulla. È il buon sonno che sa | con una frode illudere la mia ansia amorosa. | Illudersi in amore non è cattiva cosa. (da In queste lunghe notti d'inverno che la Luna, Il secondo libro dei sonetti per Elena, p. 143)
  • Chi in amore conserva la prudenza e il cervello, | inseguendo beltà, davvero non sa amare. | Il vero amante in sé non può più stare, è folle, | se è vero che ha l'amore solo un nome: furore. (da Mi dicono: "Ronsard, la tua donna non è", Amori diversi, p. 149)

Bibliografia[modifica]

  • Pierre de Ronsard, Amori, a cura di Cesare Greppi, introduzione di Stefano Agosti, Mondadori, Milano, 1990. ISBN 8804340207

Altri progetti[modifica]